Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Alex Zanardi, "ora parla": l'ultima sorpresa del campione. Progressi dopo il terribile incidente di Siena: "Nessuno ci credeva"

  • a
  • a
  • a

Alex Zanardi ora parla.  Dopo i miglioramenti clinici, neurologici, il pollice alzato, la risposta a stimoli visivi e acustici, Alex ha infatti ripreso a parlare, come ha rivelato Federica Alemanno, neuropsicologa dell'ospedale San Raffaele di Milano: "È stata una grande emozione, nessuno ci credeva. Lui c'era! E ha comunicato con la sua famiglia", ha affermato la dottoressa in un'intervista al Corriere della Sera.

Il 19 giugno scorso Alex era stato coinvolto in un drammatico incidente in provincia di Siena mentre partecipava con la handbike a una staffetta benefica, Obiettivo Tricolore. Si era schiantato contro un camion in Val d'Orcia, a circa 50 all'ora, devastandosi la testa e il viso sul lato sinistro. Operato più volte, prima a Siena, poi al San Raffaele di Milano, Zanardi ha dovuto superare anche le complicazioni di una infezione che ne ha richiesto il drenaggio al cervello. Ricostruitogli il volto in varie sedute di chirurgia plastica, l'ex pilota di F1 è stato trasferito a fine novembre all'Ospedale di Padova, nel reparto di neurochirurgia, a pochi chilometri dalla casa di famiglia. È lì che la moglie Daniela e il figlio Niccolò, assieme agli specialisti, hanno iniziato un lento cammino di ripresa.

La neuropsicologa che ha dato la notizia dei progressi di Zanardi h 36 anni, responsabile del Servizio di Neuropsicologia e professore alla facoltà di Psicologia dell'Università Vita e Salute, anni di esperienza e studi negli Usa, ha curato molti altri pazienti sottoposti a interventi chirurgici al cervello. Da svegli. Si chiama awake surgery.