Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, lo pneumologo Beltrami: "Assurdo contestare i vaccini, sono la salvezza"

  • a
  • a
  • a

Il vaccino per contrastare il Covid è uno degli argomenti più discussi in questo periodo. L'arrivo è imminente, ma c'è anche chi ne mette in dubbio l'efficacia e dichiara apertamente che, non essendo obbligatorio, non lo farà. Valerio Beltrami, pneumologo molto noto e stimato nell'ambiente, non ha dubbi: "Sarebbe una follia non usufruirne, funzionano e chi punta sulla loro pericolosità fa polemiche sterili. Effetti collaterali? Li ha anche l'aspirina, è una cosa che dipende da individuo a individuo. Non per questo è giusto che paghi il conto la stragrande maggioranza di persone che possono trarre beneficio. Io proporrei di far fare ai No vax un po’ di tirocinio in terapia intensiva. Chissà, potrebbe essere illuminante". 

 

 

Sulle polemiche relative al Natale blindato e da passare solo con i parenti conviventi, il luminare spiega: "Sono un difensore della democrazia, ma in tempo di guerra, come quello che stiamo vivendo, anche questo aspetto deve essere ridimensionato. Per mettersi alle spalle il Coronavirus sarà fondamentale che ognuno di noi rispetti le regole dettate dall’emergenza sanitaria, perché quando arriverà la terza ondata, che ci sarà di certo, un alto numero di contagiati rallenterà il percorso del vaccino. Anche io sono colpito personalmente nei miei affetti, mia figlia e i miei nipoti vivono in un'altra regione e mi piacerebbe trascorrere le Festività tutti insieme. Davanti alle ragioni della salute, però, tutto passa in secondo piano. Non è la fine del mondo trascorrere il Natale con la moglie o con il marito, per rivedersi c'è tempo a gennaio”.