Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, Coronavirus: per Rappuoli "in primavera possiamo battere il Covid"

  • a
  • a
  • a

Rino Rappuoli, ad e chief scientist della Gsk Vaccines, è uno scienziato di fama internazionale, che in tema di vaccini sa decisamente il fatto suo. Se quindi si mostra ottimista non solo sul vaccino anti Covid, ma anche sulla cura a base di anticorpi monoclonali che sta sperimentando, non si può che essere trasportati da un'ondata di speranza. "Potremmo avere entrambi in primavera - spiega in un'intervista a La Stampa -  per combattere il virus sul doppio fronte della cura e della prevenzione. Stiamo utilizzando gli anticorpi monoclonali prodotti dall’uomo per creare un farmaco. Grazie all’intesa con lo Spallanzani e il Policlinico di Siena, dal sangue dei pazienti convalescenti abbiamo isolato 450 anticorpi in grado di neutralizzare il virus. Poi, con tecniche sofisticate, abbiamo isolato e riprodotto sinteticamente tre super-anticorpi capaci di impedire per sei mesi la replicazione del virus, anche con piccoli dosaggi, con una semplice iniezione sottocutanea. Abbiamo stipulato già un accordo con la Menarini per produrre il farmaco".

 

 

 

 

Uno dei tempi più caldi è quello della sperimentazione sull'uomo del suddetto farmaco: quando partirà? "A fine anno, o ai primi di gennaio, lo somministreremo prima ai pazienti Covid, così potremo vedere in tempi brevi se funziona così come gli anticorpi monoclonali hanno funzionato per tanti tipi di tumore e di malattie autoimmuni. Entro primavera se tutto va bene potremmo chiedere l’autorizzazione al commercio".