Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, De Mossi e la rissa nella notte

  • a
  • a
  • a

Dopo un 15 agosto turbolento dal punto di vista dell'ordine pubblico, il sindaco Luigi De Mossi oggi (16 agosto) interviene per chiarire che Siena non intende assistere inerme all'escalation di violenza che si sta verificando. Ieri, infatti, nel pomeriggio un 15enne è stato accerchiato e picchiato in piazza del Mercato da un gruppo di giovani che volevano rubargli dei soldi. In serata, i residenti della zona, esasperati dagli schiamazzi e da nuovi episodi di bullismo sotto al Tartarugone, hanno chiamato le forze dell'ordine, ma qualcuno è anche sceso in strada per difendere i propri diritti. Al suo arrivo, la polizia ha dovuto anche subire provocazioni e frasi di scherno da parte del gruppo, in gran parte formato da minorenni, ma mantenendo la calma e la fermezza, ha convinto tutti a lasciare piazza del Mercato. Nell'andarsene, passando da Salicotto, i giovani chiassosi hanno buttato in terra alcuni motorini e rovesciato un bidone dell'immondizia, suscitando l'ira dei contradaioli della Torre, che li hanno raggiunti in piazza del Campo. Momenti di altissima tensione, sedati ancora una volta dagli agenti e dai dirigenti di Salicotto accorsi tempestivamente, poi la situazione è piano piano tornata alla normalità.

 

 

 

Questa mattina il primo cittadino, in occasione della messa con i fantini del presente e del passato, ha commentato: "Forse qualcuno, nel periodo del lockdown, ha pensato che il centro storico fosse terra di conquista. Ecco, allora si sappia che non è così. Comportamenti del genere vanno scoraggiati immediatamente, l'erba cattiva si taglia prima che faccia danni peggiori, e infatti ringrazio la municipale e le forze dell'ordine per l'attenzione che ci stanno mettendo".