Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, De Mossi: "Per la Robur solo progetti seri"

  • a
  • a
  • a

il sindaco di Siena Luigi De Mossi, dopo essersi preso un periodo  di riflessione, è tornato a parlare della Robur dopo la sua scomparsa dal calcio professionistico per mancata iscrizione alla C. "Chiederemo alla Federazione – ha detto il primo cittadino – di permettere alla futura società di non ripartire da zero ma di iscriversi almeno alla serie D. L’ho detto anche in campagna elettorale, le dirigenze professionistiche devono avere la forza e le risorse per poter agire in proprio. Per questo dico che coloro che arriveranno adesso dovranno essere persone serie, con una capitalizzazione sufficiente e con un piano industriale che sia all’altezza della città, che si merita un calcio di qualità".

 

 

 

De Mossi ribadisce con forza il concetto: "Se non c’è un serio progetto, il mordi e fuggi non sarà accettato. In passato serviva spesso per avere accesso alla Banca, oggi tutto questo non è più possibile. Chi ha intenzione di lavorare a Siena deve portare denaro e avere un piano che non duri sei mesi. Deve esserci un criterio legato ad un'adeguata permanenza sul territorio e anche allo sviluppo delle infrastrutture sportive. Tutto questo è ciò che il Comune chiederà, oltre al rispetto per i tifosi che hanno dato tanto alla Robur e che sono cittadini che hanno il diritto di non essere presi in giro. In questo momento non c’è da parte del Comune una visione direzionata, io non pongo limiti. Chi è intenzionato ad investire seriamente in un progetto sportivo è il benvenuto”.