Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, viene alla luce santuario romano

  • a
  • a
  • a

La campagna di scavi di luglio e agosto a San Casciano Bagni ha riservato una sorpresa inattesa agli archeologi, pronti a indagare "semplici" strutture termali di età romana. Invece lo scavo stratigrafico sta portando alla luce un gigantesco santuario di età imperiale. Già dalla metà del Cinquecento si conoscevano iscrizioni dedicate ad Asclepio/Esculapio, Igea e soprattutto ad Apollo dalle prossimità del Bagno Grande, che celebravano le proprietà salutari delle sorgenti di acqua calda. In queste ultime settimane sì è dischiusa una struttura con un meraviglioso basamento e soprattutto un’iscrizione di età imperiale che comincia con l’inequivocabile “Apollini scacrum pro salute...”.  

 


Il Soprintendente all'archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Siena, Grosseto e Arezzo, Andrea Muzzi, ha commentato: "Si tratta di una scoperta epocale. Abbiamo finalmente la certezza che in questa valle sacra un grande santuario dedicato ad Apollo circondasse le sorgenti più calde. Suona come un augurio per l’inizio di grandi stagioni di scavi e una scommessa per la cultura in questi tempi difficili”.