Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Banca Mps, per i pm gli ex manager Alessandro Profumo e Fabrizio Viola vanno assolti

  • a
  • a
  • a

Secondo la procura di Milano, Alessandro Profumo, ex presidente di Banca Monte dei Paschi e Fabrizio Viola, ex amministratore delegato di Banca Mps, vanno assolti dalle accuse sulle false comunicazioni sociali (ex falso in bilancio) e aggiotaggio riferite a quando erano alla guida dell'istituto di credito. E' stato il pm Stefano Civardi ad avanzare la richiesta al termine della requisitoria davanti alla seconda sezione del tribunale di Milano. Secondo il magistrato la condotta dei due manager non è stata "da inganno" nei confronti del mercato e degli azionisti di Mps. Richiesta di assoluzione anche per Paolo Salvadori, ex presidente del collegio sindacale di Banca Mps. Secondo il pm per il reato di aggiotaggio non sussiste per Profumo e Viola, mentre per il reato di false comunicazioni sociali contestato a tutti gli imputati per il bilancio 2012 e per la prima semestrale del 2015  richiesta di assoluzione "perche' il fatto non è previsto dalla legge come reato" per la contestazione di false comunicazioni sociali in merito ai bilanci 2013 e 2014. Il processo è relativo alla presunta non corretta rappresentazione dei conti della banca dei derivati Alexandra e Santorini nei bilanci 2012, 13 e 14.