Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

A piedi per due mesi sulla via Francigena dalla Germania a Siena

Sahar Zivan ha percorso la via Francigena dalla Germania a Siena

Sara Corti
  • a
  • a
  • a

Dalla Foresta nera in Germania alla città di Siena in Toscana, a piedi. Protagonista di questo viaggio "impegnativo" di oltre 1100 chilometri, un giovane ventenne con doppia cittadinanza britannica e israeliana che ha deciso di concludere il cammino nella città dove nel 2013, per circa cinque mesi, ha studiato l'italiano. Il suo nome è Sahar Zivan e frequenta il secondo anno di lingue straniere all'Università di Bristol, in Gran Bretagna. Ha impiegato due mesi per arrivare nella nostra città, attraversando montagne, colline e valli in Germania, Svizzera e Italia. "Sono partito da Pforzheim in Germania - spiega Sahar, parlando un discreto italiano - per arrivare fino a Basilea in Svizzera. Poi da Basilea mi sono diretto in Italia attraversando le Alpi per raggiungere il lago Maggiore. Infine sono giunto a Pavia dove ho iniziato a camminare sulla via Francigena per raggiungere Siena. Durante il cammino, talvolta assai faticoso specie nei tratti montani, ho dormito in rifugi e affittacamere lungo tutto il percorso. La decisione di concludere il viaggio proprio qui è scaturita dal fatto che Siena mi è rimasta nel cuore e quando posso torno sempre volentieri". Sahar ha condiviso la sua esperienza su Internet grazie ai social network, informando amici e parenti dei suoi spostamenti. Ma questo viaggio non l'ha fatto solo per se stesso: l'obiettivo era anche quello di raccogliere fondi per una organizzazione di Bristol. "In Inghilterra quando si fanno cose del genere - spiega Sahar - capita spesso che si chieda ad amici, conoscenti e parenti di 'sostenere' l'iniziativa versando dei soldi attraverso una piattaforma chiamata 'VirginMoneyGiving'. Io ho scelto di raccogliere donazioni per girarle ad una associazione di volontariato di Bristol che assiste i senzatetto. Durante i miei due mesi di cammino, sono riuscito a raccogliere 700 sterline (poco più di 1000 euro) che andranno a questa associazione. E' un modo per accrescere la consapevolezza della gente su un tema o un'organizzazione benefica". A Siena si parla tanto di via Francigena e di come attrarre maggiormente pellegrini, turisti e viandanti su questo percorso. Sahar, reduce da un lungo viaggio su vari tratti italiani della via Francigena, che idea si è fatto di questa antica strada? "Da Pavia a Siena ho camminato sulla Francigena e l'ho fatto senza nessuna mappa - spiega il giovane - Mi sono orientato solo attraverso i segni e i cartelli lungo il percorso e non mi sono mai perso. Da Pavia a Siena ci ho messo tre settimane e lungo il percorso non mancano conventi e ostelli proprio per i pellegrini. Io ho fatto la Francigena non per motivi religiosi, ma perché cercavo un bel sentiero per raggiungere Siena".