Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stalker condannato a Siena ad un anno di reclusione, riconosciuto parte civile il Centro antiviolenza Valdelsa

default_image

Andrea Bianchi
  • a
  • a
  • a

Si è concluso venerdì 7 febbraio 2020 il processo in cui per la prima volta il Centro Antiviolenza della Valdelsa si è costituito parte civile: una vittoria netta per il Cav che testimonia pubblicamente l'importanza del suo lavoro. All'ultima udienza del processo nei confronti di A. Y., il Tribunale di Siena ha riconosciuto il reato di stalking perpetrato dall'imputato a danno della ex moglie e di violenza privata nei confronti dell'avvocato Alice Giomi, legale del Cav, condannando l'imputato a 1 (uno) anno di reclusione. "L'aspetto rilevante di questo esito giudiziario - spiegano dal Centro antiviolenza della Valdelsa - è il pieno riconoscimento da parte del Tribunale della lesione diretta dell'interesse dell'associazione che opera sul territorio per combattere la violenza di genere".