Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Operaio morto nell'ascensore, si indaga per omicidio colposo

Il liceo transennato

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

La procura indaga per omicidio colposo. Un gancio difettoso potrebbe essere la causa della morte di Massimiliano Fiorini, l'operaio di 46 anni originario di Chianciano che ha perso la vita mercoledì 4 giugno dopo essere precipitato nella tromba dell'ascensore in costruzione all'interno del liceo Buratti a Vitebo. La salma al momento rimane a disposizione dell'autorità giudiziaria con il pm Renzo Petroselli, che ha aperto un fascicolo con l'ipotesi di reato di omicidio colposo. Al momento non sarebbe stato iscritto nessuno nel registro degli indagati, mentre resta sotto sequestro la tromba delle scale nell'ala più vecchia del liceo, dove è avvenuta la disgrazia. Secondo le prime ricostruzioni l'operaio era sulla piattaforma dell'ascensore appeso a un gancio che avrebbe ceduto. Decisiva, per capire se ci sono state delle negligenze, sarà la relazione dei tecnici.