Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Attentato, parla la moglie del soldato senese

Andrea Bianchi
  • a
  • a
  • a

Restano stazionarie le condizioni dei cinque militari italiani colpiti in un attentato a Kirkuk in Iraq verificatosi nel pomeriggio di domenica 10 novembre. Tuttavia, nessuno di loro sarebbe in pericolo di vita. L'incursore P.P., che abita a Siena con la famiglia, è stato operato. Il Corriere di Siena è riuscito a parlare con la moglie senese che attraverso il nostro giornale chiede "silenzio in questa delicata situazione. Devo tutelare i miei figli minorenni - spiega - non è il momento di rilasciare interviste. Chiedo a tutti i media di avere rispetto per i miei figli, per mio marito e per me. Non rilascerò altre dichiarazioni" ha concluso. Intanto, in attesa dei risultati dell'inchiesta, la prima pista che viene in mente per individuare i responsabili dell'attacco è quella dell'Isis, o almeno di quello che resta dopo la morte del Califfo Al Bagdadi. In tutto il paese sono al momento impiegati 350 nostri militari, di cui 120 istruttori, considerati i migliori al mondo.