Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palio di Siena, è il giorno del Minimasgalano

  • a
  • a
  • a

Oggi, 16 ottobre 2022, è il giorno del Minimasgalano. Un'edizione particolarmente preziosa perché i giovani monturati delle 17 contrade arricchiranno piazza del Campo senza restrizioni e distanziamenti da rispettare. Dopo due anni in cui il Covid ha reso complicato resistere e andare avanti, la manifestazione organizzata dalla Torre (affiancata dal comitato Amici del Palio), giunta alla sua 47esima edizione, torna nella sua forma più tradizionale, con l'abbraccio libero di tutti i popoli e dei senesi. Per I giovani alfieri e tamburini appuntamento alle 15 in Salicotto per poi recarsi nel cuore pulsante di Siena ed emozionare tutti dalle 16 in poi. In serata verrà annunciata la giovane comparsa vincitrice.

 

 

Vediamo allora chi sono i ragazzi che onoreranno le rispettive contrade (nell’ordine il tamburino e i due alfieri). Aquila: Geremia D’Angeli; Vanni Brocchi e Giulio Flamini. Bruco: Filippo Becatti; Martino Zappa e Pietro Benvenuti. Chiocciola: Duccio Magnelli; Pietro Machetti e Federico Cencini. Civetta: Duccio Turano; Francesco Incarnato e Bernardo Vegni. Drago: Matteo Guasparri; Giovanni Alberi e Lorenzo Rosini. Giraffa: Jacopo Manganelli; Giacomo Fantuzzi e Pietro Ierardi. Istrice: Daniele Torzoli; Noè Gigliotti ed Edoardo Sampieri. Leocorno: Paolo Mandarini; Cesare Simoni e Cesare Sarrini. Lupa: Leonardo Muzzi; Guglielmo Sensi ed Ettore Bianchini. Nicchio: Lorenzo Regoli; Lapo Vigni e Niccolò Bagnolesi. Oca: Steno Landi; Niccolò Vespa e Gabriele Conti. Onda: Simone Camiolo; Giulio Coselschi e Renato Buccianti. Pantera: Ettore Bossini; Giacomo Fracassi e Francesco Fanetti. Selva: Bernardo Orsini; Samuele Caporali e Duccio Gazzei. Tartuca: Sebastian Porcaru; Leonardo Benocci e Giacomo Roncucci. Torre: Francesco Balestri; Alessandro Bonin e Simone Matino. Valdimontone: Diego Farnetani; Alessandro Benedetti e Leonardo Benedetti.

 

 


Il premio è stato offerto dal comando di polizia municipale di Siena ed è stato realizzato nel laboratorio di Vitrashop da Stefano Carlucci, che commenta: “Per un senese è magnifico realizzare un’opera per un’occasione del genere. Che poi si tratti del Masgalano ufficiale o di questo per i più giovani, è il massimo. Esattamente come per un pittore dipingere il Drappellone. Non sapevo se sbizzarrirmi in cose elaborate, anche dal punto di vista concettuale, ma alla fine ho pensato che fosse meglio optare per una sorta di inno all’appartenenza alla nostra città e ho messo i tre elementi principali balzana, Palazzo Pubblico e bandiere delle contrade. Senza dimenticare il Palio: nella base di faggio c’è il tufo originale di Piazza”.