Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palio di Siena, Caria vince in Sardegna: "Felice per il mio tris"

Gennaro Groppa
  • a
  • a
  • a

Francesco Caria ha fatto tre su tre in Sardegna. E dopo avere vinto quest’anno il palio di Fonni e quello a contrade di Sas Carrelas a Nuoro ha fatto tris centrando il trionfo al super palio Airvaas di Nuoro. Ha vinto sulla cavalla Bagoga, avendo la meglio di altri fantini come Valter Pusceddu, Adrian Topalli, Gianluca Fais, Marco Bitti. È stata buona la partenza di Caria, che poi ha preso la testa e ha vinto la manifestazione con un ottimo sprint finale. Per Tremendo una vittoria importante e prestigiosa, con la quale Caria chiude al meglio la stagione. Il super palio Airvaas è uno dei più importanti della Sardegna, tra l’altro con un buon montepremi. Rimane tuttavia nel 34enne fantino di San Gavino Monreale l’amarezza per non avere montato in Piazza del Campo nel 2022. L’attesa chiamata non è arrivata. Rimangono undici le Carriere corse da Tremendo nella conchiglia senese, le ultime nell’agosto 2018 nella Giraffa con Queen Winner e nell’agosto 2019 nella Chiocciola con Una per Tutti.

 

 

Caria, per lei in Sardegna è arrivata un’altra bella soddisfazione.
"Sì, è così, sono contento. Bagoga è una cavalla importante, che ha sempre fatto bene in varie corse e manifestazioni. Ha vinto a Fucecchio, è arrivata seconda a Buti, ha vinto le corse ad Asti e alle regolari. È molto rapida a partire ed è assolutamente precisa, quindi certamente si tratta di un soggetto affidabile”. 
E’ riuscito a centrare il tris stagionale in Sardegna, non è una cosa da poco. 
“No, certamente. È un buon traguardo. Ci tenevo a fare bene anche stavolta, sono partito con la consapevolezza di avere le carte in regola per ottenere un buon risultato e alla fine così è stato. C’erano cavalli e fantini importanti e di qualità, avere vinto mi dà tanta gioia e mi fa molto piacere”.
Se ripensa a questa stagione le rimane il rammarico di non avere montato a Siena, non è così?
“Beh, spero di poterlo fare il prossimo anno e che i capitani mi diano nuovamente questa opportunità”.
Ora è tempo di vacanze?
“Mi farò una settimana di mare in relax”.

 

 

Sta pensando all’ingresso di qualche cavallo nuovo in scuderia?
“Sì, sì, ci sto pensando. Credo che qualche nuovo arrivo ci sarà”.
A Siena sembra esserci movimento, anche in vista di quelle che potranno essere le monte del prossimo anno.
“Tutto è sempre in movimento, l’importante è riuscire a farsi trovare pronti quando ti viene data la possibilità di montare. Non nego che dentro di me ci sia un po’ di rabbia per non avere avuto quest’anno chance in Piazza del Campo, mi auguro che nel 2023 si verifichi qualcosa di diverso”. 
Quali programmi ha per il 2023?
“Vorrei montare nei palii e nelle corse dove sono stato quest’anno e aggiungere pure qualcosa in più”. 
È soddisfatto di questa sua stagione?
“Sono soddisfatto per ciò che ho potuto fare e per i risultati ottenuti lì dove ho avuto la possibilità di essere. Sono dispiaciuto invece per le occasioni che non ho avuto e per i palii nei quali non ho avuto l’opportunità di correre”.