Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palio, Tittia sorride: per agosto ha già quattro strade aperte. E' il più ricercato insieme a Scompiglio

Gennaro Groppa
  • a
  • a
  • a

Se lo scenario del Palio di luglio era inizialmente favorevole e propizio a Jonatan Bartoletti, per l’Assunta è Giovanni Atzeni a poter sorridere. Non solo perché ha appena vinto, e si tratta dell’ottavo trionfo per lui, ma anche perché, tra le sette contrade che corrono d’obbligo, in quattro sarà fatta a lui la prima chiamata post estrazione: Tartuca, Giraffa, Leocorno e Nicchio. Il rapporto del fantino sardo-tedesco con il rione di Castelvecchio è solido. Nella Tartuca Atzeni ha montato l’ultima volta nell’agosto 2018 su Rodrigo Baio. Nella Giraffa ha vinto da poco: era il luglio del 2019, in rimonta con Tale e Quale, passando nel finale Jonatan Bartoletti su Violenta da Clodia. Si tratta dei due fantini che si sono giocati anche l’ultima Carriera. E si tratta anche di due cavalli (Tale e Quale e Violenta da Clodia) che potrebbero rientrare a correre il Palio dell’Assunta per un lotto di soggetti che dovrebbe essere stavolta più alto e con più cavalli di esperienza. E ancora: Pantaneto potrebbe essere una strada buona per Atzeni. Il Nicchio è la soluzione meno limpida: nei Pispini Atzeni ha esordito nel luglio del 2003 (montò Alesandra) e già in sette Palii ha indossato quel giubbetto. L’ultima volta è stato nello Straordinario del 2018, con Violenta da Clodia. Paradossalmente, però, Tittia potrebbe indizzarci qualcuno dei suoi, Da Ares a Scangeo o perfino Brigante. 

 

 

Jonatan Bartoletti dal canto suo ha contrade di riferimento nella Lupa e nel Valdimontone. In entrambe ha già vinto. Anche le strade verso Leocorno e Giraffa non gli sono precluse: in Pantaneto Scompiglio esordì, tra l’altro vincendo subito, nell’agosto 2007 su Brento. E vinse anche nella Giraffa quasi dieci anni più tardi, nel luglio 2017, con Sarbana. Giuseppe Zedde ha già legami importanti. Potrebbe montare nel Valdimontone, nella Lupa (dove ha vinto nell’agosto 2018 con Porto Alabe) o anche nella Civetta. In attesa, ovviamente, delle altre tre contrade che saranno estratte. La Tartuca punta su Tittia oppure potrebbe dare il proprio giubbetto a Carlo Sanna. La Lupa, oltre a Bartoletti e Gingillo, vanta rapporti con Giosuè Carboni, mentre i fatti di luglio hanno raffreddato i legami con Valter Pusceddu. Potrebbe rinnovare la propria fiducia ad Enrico Bruschelli.

 

 

La Giraffa ha ampie possibilità di scelta: Tittia in pole position, ma anche Bartoletti e poi varie altre possibilità. Nella Civetta per la prova generale di Provenzano si è rivisto Giosuè Carboni: un connubio che potrebbe essere ricomposto ad agosto. Tittia o anche Carlo Sanna o Federico Arri per il Leocorno. Il Nicchio, come detto, cercherà di montare Tittia, altrimenti Carlo Sanna può divenire una monta attendibile. Ampie scelte per il Valdimontone: Bartoletti, Gingillo, buoni rapporti anche con Elias Mannucci. E c’è sempre Antonio Francesco Mula che spera di poter avere una seconda chance.