Il Cristianesimo non è sofferenza

Il Cristianesimo non è sofferenza

22.03.2015 - 17:07

0

Una serie di cause storiche e culturali hanno portato a considerare il cristianesimo una religione “della sofferenza”, una religione del dolore. E questo, a partire dalla croce di Gesù, che per noi credenti è un mistero di fede, ma per chi non esprime la propria fede in Cristo risulta essere solamente un fatto storico, e di certo non dei più gratificanti, anzi: un bravo predicatore che non ha fatto del male a nessuno, che ha speso la propria vita per gli altri, a causa dell'invidia dei potenti dell’epoca viene messo ingiustamente a morte, e nella maniera più ignominiosa, come fosse il peggiore dei malfattori. E poiché i suoi discepoli lo proclamano risorto e vivo, ecco che la storia non perde tempo a interpretare questo come un tentativo di rivincita. Vista con gli occhi dell’uomo “qualunque” di ogni epoca storica, la vicenda di Gesù di Nazareth è proprio una vicenda di sofferenza, non ha certo le sembianze della vicenda di un Dio glorioso, onnipotente e immortale come potevano essere gli dèi delle grandi civiltà antiche. Queste idee ce le portiamo ancora dentro, ed emergono quando ascoltiamo e cerchiamo di interpretare brani della Scrittura come quello che la Liturgia di oggi ci propone: Gv 12,20-33: “Se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane da solo; se invece muore, porta molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo la conserverà per la vita eterna”. Chi di noi non ha pensato, con questo, a una vita di sacrifici, di abnegazioni, di sofferenze magari anche volontariamente e appositamente ricercate come penitenze, in vista del raggiungimento di un traguardo grande come la vita eterna? Molta della catechesi che abbiamo ricevuto ha insistito su questo, ottenendo come risultato quello che abbiamo descritto prima: l’immagine di una religione basata sulla sofferenza e sul dolore, accettati e quasi desiderati in vista di un bene futuro maggiore. No, il cristianesimo non è sofferenza, il cristianesimo non è abnegazione, il cristianesimo non è morte: la fede in Cristo è l'esatto opposto, ovvero gioia, entusiasmo, donazione di sé e pienezza di vita! Rileggiamo con attenzione questo testo, in cui c'è un gruppo di Greci venuti a Gerusalemme per la Pasqua che vogliono “vedere Gesù”, che si sentono attratti da lui. E Gesù attirerà loro e tutti quanti a sé: Giovanni ci dice nell'ultimo versetto senza mezzi termini che questa attrazione è proprio la croce. Cos'è, quindi, questa croce capace di “attirare a sé”, capace di “far entrare in comunione” gli uomini con Dio? Gesù pronuncia una sorta di “microparabola”: la croce è simile a un chicco di grano che cade in terra. Cade in terra non perché disprezzato o inutile, e quindi buttato via dagli uomini: cade in terra perché questa è la sua funzione, perché la terra è il suo posto. Non cadesse in terra, rimarrebbe lì, in un sacco, in una dispensa, isolato, chiuso, indurito nella sua scorza e - allora sì - un giorno o l’altro non servirebbe più a nulla. Quella che invece solo in apparenza sembra una scorza dura che lo ricopre, nel momento in cui svolge la sua missione, a contatto con la terra, si schiude, si trasforma e diviene germoglio di vita. Certo, il seme non resta più lo stesso di prima: alla sola vista, il germoglio di grano che vediamo di color verde intenso nei solchi dei campi non ha proprio nulla a che vedere con il duro e sbiadito chicco di grano racchiuso nel sacco, e questo ci meraviglia, perché quel chicco di grano non c’è più: è morto. Ma nel frattempo si è trasformato ed è divenuto esplosione di vita, è germogliato, ha dato frutto, ha contribuito a sfamare e a dare vita. Tutto questo è la croce: e abbiamo il coraggio di chiamarla morte?

info@alessandromeluzzi.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Nel magnifico labirinto: Fondazione Prada racconta Franz Kafka

Nel magnifico labirinto: Fondazione Prada racconta Franz Kafka

Milano, 19 feb. (askanews) - Tre momenti per comporre un ritratto, in assenza e ovviamente parziale, del più grande scrittore del XX secolo - ci assumiamo la responsabilità del giudizio - attraverso una grande installazione, un film e un album di musica elettronica. Fondazione Prada a Milano presenta la mostra "K" che ripercorre i tre romanzi incompiuti di Franz Kafka e definisce uno spazio ...

 
Gabbani: L'affetto dei fan mi imbarazza, provo responsabilità

Gabbani: L'affetto dei fan mi imbarazza, provo responsabilità

Milano, 19 feb. (askanews) - Sanremo porta fortuna a Francesco Gabbani, dopo il trionfo nel 2017 con Occidentali's Karma, quest'anno si è piazzato al secondo posto con Viceversa che spopola in radio. Un successo desiderato ma non atteso. "Avvalora il concetto della mia canzone Viceversa e dell'album, questo senso di condivisione: Ho cercato di dare tutto quello che avevo e devo dire che sta ...

 
Caos in commissione giustizia, Lega occupa l'aula, bloccati i lavori su dl intercettazioni

Caos in commissione giustizia, Lega occupa l'aula, bloccati i lavori su dl intercettazioni

(Agenzia Vista) Roma, 19 febbraio 2020 Dl intercettazioni caos in commissione Tensione nel corso dei lavori sul dl intercettazioni in commissione Giustizia. Nel corso dell'assemblea è stato bocciato un emendamento della Lega sulla pedopornografia. In risposta i senatori del Carroccio hanno occupato l'aula, bloccando i lavori con conseguenti momenti di tensione. Il confronto si è risolto con una ...

 
Nella Cappella Sistina per la prima volta 12 arazzi di Raffaello

Nella Cappella Sistina per la prima volta 12 arazzi di Raffaello

Roma, 19 feb. (askanews) - La Cappella Sistina ospita i preziosi arazzi della serie "Atti degli Apostoli" realizzati su cartoni di Raffaello, nel cinquecentenario della morte del grande pittore. Le centinaia di visitatori che ogni giorno ammirano la splendida Cappella affrescata da Michelangelo, potranno così godere anche di 12 arazzi esposti eccezionalmente nel luogo dove furono pensati e per la ...

 
Grande Fratello Vip, Patrick Ray Pugliese favorito. Calano quotazioni di Pago e Antonella Elia, sale Ciavarro

Televisione

Grande Fratello Vip, Patrick Ray Pugliese favorito. Calano quotazioni di Pago e Antonella Elia, sale Ciavarro

Chi vincerà il Grande Fratello Vip 2020? Secondo le quotazioni dei bookmakers al momento Patrick Ray Pugliese non ha rivali e intanto Paolo Ciavarro supera Antonella Elia. E' ...

19.02.2020

Gianna Nannini canta in auto con la figlia Penelope che conosce perfettamente la canzone "Motivo"

Social

Gianna Nannini canta in auto con la figlia Penelope che conosce perfettamente la canzone "Motivo"

Gianna Nannini mostra sempre più spesso attimi della sua vita privata, utilizzando il suo profilo ufficiale Instagram.  Bellissimo il video della cantante in auto con la ...

19.02.2020

Il Paradiso delle signore, anticipazioni: tornano Antonio Amato ed Elena ma solo per poche puntate

Soap

Il Paradiso delle signore, anticipazioni: tornano Antonio Amato ed Elena ma solo per poche puntate

Tanti colpi di scena nelle puntate della soap di Rai 1 "Il paradiso delle signore" in onda l'ultima settimana di febbraio. Lunedì 24 sarà particolarmente ricca, con Umberto ...

19.02.2020