Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena: fatto non sussiste

  • a
  • a
  • a

Silvio Berlusconi assolto a Siena nell'ambito del processo Ruby ter perché il fatto non sussiste. Il processo è una delle costole del Ruby ter, tutti processi che vedono il Cavaliere accusato di corruzioni per soldi versati a persone che hanno testimoniato nel primo e secondo filone della vicenda. Questi testi avrebbero agevolato l’assoluzione di Berlusconi. Anche il pianista senese Mariani assolto con formula piena. Questa la sentenza del tribunale dopo circa un’ora e mezza di camera di consiglio.

 

 

Nel processo di Siena, in particolare, Berlusconi era accusato di aver versato soldi al pianista Danilo Mariani (suo coimputato) che aveva partecipato a diverse "cene eleganti" svoltesi ad Arcore. Secondo i giudici, l’ex premier non avrebbe mai versato sul conto bancario del pianista senese con la causale "rimborsi spese" una cifra vicina a 170 mila euro in tre anni per costringerlo a dichiarare il falso sulle così dette "cene eleganti" di Arcore, le serate a cui partecipavano alcune ragazze, ribattezzate le Olgettine, e la giovane tunisina Karima El Mahroug, detta 'Ruby Rubacuori'.

 

 

"Esprimiamo grande soddisfazione per un’assoluzione con formula piena, che afferma la totale insussistenza di ogni elemento di accusa, ciò i giudici hanno riconosciuto che non c’è stata alcuna corruzione in atti giudiziari" ha detto all’Adnkronos l’avvocato Enrico De Martino, componente del collegio difensivo di Silvio Berlusconi con i colleghi Federico Cecconi e Lorenzo De Martino, commentando la sentenza del Tribunale di Siena sullo stralcio del processo Ruby ter. "Ho sempre avuto la massima fiducia nel Tribunale di Siena - ha aggiunto De Martino - e la sentenza emessa dimostra che i giudici si sono espressi in maniera corretta sulla base delle prove emerse durante la fase dibattimentale". "Chi lo conosce non ha mai dubitato della sua innocenza. Quanto fango prima di arrivare alla verità!" il tweet di Antonio Tajani, vicepresidente e coordinatore unico nazionale di Forza Italia.