Rosso e mezzaluna sulla porta di Brandeburgo

Rosso e mezzaluna sulla porta di Brandeburgo

04.01.2017 - 11:44

0

La Porta di Brandeburgo colorata di rosso e sul frontone una mezzaluna e una stella bianca. Berlino nell'inizio dell'anno si veste con la bandiera della Turchia e ricorda quello che è accaduto a Istanbul.
Quella Porta non è un accesso qualunque, è la storica, monumentale, Porta che fu eretta alla fine del Settecento nelle forme che venivano dalla Grecia classica ed è diventata nel tempo un segno della capitale della Germania. Quando, con la costruzione del Muro, durante gli anni della divisione della città fra l'Est e l'Ovest, il suo profilo venne inglobato in quella frattura che sanciva il tempo della Guerra Fredda, la Porta chiusa e inaccessibile diventò il simbolo di un dramma e di una speranza. I colori della bandiera turca su quelle colonne ci dicono quanto il mondo sia cambiato e quanto, però, la Porta non cessi di irradiare il patrimonio e il valore che la costituiscono.
La Germania è stabilmente unita ed ha accolto nel dopoguerra milioni e milioni di turchi, la cancelliera Merkel ha aperto le frontiere ai migranti come solo poteva fare la leader di un Paese troppo a lungo scisso e spaccato, e ha ribadito una disposizione all'accoglienza più forte delle congiunture elettorali e delle tentazioni populistiche. Della Guerra Fredda semmai ritornano echi nelle nuove controversie che agitano il triangolo Putin-Trump-Obama e ci riportano alla grande questione - impensabile negli anni della Cold War - degli equilibri tra Europa e Oriente, e di quell'area composita che dal Mediterraneo giunge all'Iran e all'Iraq. Un nuovo scenario geopolitico in cui si giocano il presente e il futuro.
La Porta questo ci ricorda. Quel rosso stabilisce immediatamente un contatto e un richiamo, tra il camion che irrompe sul mercatino natalizio di Berlino e il terrorista che fa strage nel Reina Club di Istanbul nella notte di Capodanno. Berlino chiama Istanbul, come a dire che siamo nella stessa storia e che, se tante, tantissime cose ci dividono e lacerano i rapporti, qualcosa ci unisce ed è, deve essere, più forte di tutte le divisioni, le incomprensioni e le contrapposizioni: il terrorismo che vuole farci regredire, che vorrebbe radicalizzare i nostri istinti alla reazione e alla chiusura, il terrorismo che vorrebbe distruggere la quotidianità e i suoi luoghi, i luoghi della festa, della gioia, dell'incontro, del dono, dello scambio, del dialogo. Nella sua efferatezza sanguinaria anche il terrore si porta dietro un carico simbolico - e ne è perfettamente cosciente - simmetrico e opposto a quello su cui esercita la sua pulsione alla morte. Per questo spara nel mucchio, uccide tutti e nessuno, uomini e donne, giovani, vecchi e bambini. Proclama il verbo della vendetta e della lotta santa, colpevolizza la nostra responsabilità storica di occidentali, croce e politica di potenza, lancia camion sulla folla e massacra la gente. Ovunque.
Forse, bisognerebbe distinguere, tra questi invasati dell'odio, disponibili a tutto, e in questo caso anche a fuggire subito dopo l'impresa, e il contesto che - consapevoli o meno che ne siano - mette subito una bandierina su quello che hanno fatto e li riporta in questa guerra che tutto massimalizza e estremizza. E' una guerra doppia, ambigua e sfuggente, si combatte sui campi di battaglia, in modi altrettanto ambigui e purtroppo trasversali, e al tempo stesso nella nostra testa, presa in mezzo fra la paura, il terrore, la complicità, le colpe, l'orrore, i valori di una civiltà, con il paradosso di doverli difendere consapevoli della crisi che li colpisce.
Non è facile, forse è impossibile, ma intanto guardiamo il rosso e il bianco della bandiera turca sulla Porta di Brandeburgo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Firenze, crollo di un muro a Montelupo Fiorentino: il video del cedimento. Travolte alcune auto
Il fatto

Firenze, crollo di un muro a Montelupo Fiorentino: il video del cedimento

Ecco il video del crollo: le prime immagini del cedimento del muro a Montelupo Fiorentino. Immagini riprese dai vigili del fuoco arrivati sul posto dopo il crollo. I vigili del fuoco del comando di Firenze, distaccamento di Empoli e Firenze Ovest sono intervenuti poco prima delle 24 del 10 dicembre a Montelupo Fiorentino, in via Marconi, per il crollo  di un muro di contenimento. Nel crollo sono ...

 
Sergio Leone, padre del western all'italiana. Chi era il regista e i suoi film entrati nella storia del cinema
CINEMA

Video Sergio Leone, padre del western all'italiana. Chi era e i suoi film capolavoro

"C'era una volta Sergio Leone". Della mostra ospitata all'Ara Pacis di Roma, Carlo Verdone ha parlato nel salotto di Porta a Porta del padrone di casa Bruno Vespa insieme a Raffaella, figlia del grande regista. Il 2019, infatti, è un anno in cui ricorrono due anniversari di quello che fu l'inventore del western all'italiana: novant'anni dalla nascita (3 gennaio 1929) e trenta dalla scomparsa (30 ...

 
Sanità Sileri (Vice Ministro Salute): "SSN funziona ma va parificato da nord a sud"

Sanità Sileri (Vice Ministro Salute): "SSN funziona ma va parificato da nord a sud"

(Agenzia Vista) Roma, 10 dicembre 2019 Sanità Sileri (Vice Ministro Salute): "SSN funziona ma va parificato da nord a sud" "SSN funziona ma va parificato da nord a sud". Così il Vice Ministro della Salute Pierpaolo Sileri, intervenuto a margine del convegno annuale di PreSe 'Dalla parte dei fragili - Il ruolo del paziente tra Assistenza, Innovazione Terapeutica e Welfare', tenutosi presso Palazzo ...

 
Sergio Leone, padre del western all'italiana. Chi era il regista e i suoi film entrati nella storia del cinema

CINEMA

Video Sergio Leone, padre del western all'italiana. Chi era e i suoi film capolavoro

"C'era una volta Sergio Leone". Della mostra ospitata all'Ara Pacis di Roma, Carlo Verdone ha parlato nel salotto di Porta a Porta del padrone di casa Bruno Vespa insieme a ...

11.12.2019

Samanta Togni si sposa: tutti gli ex fidanzati e chi è la bella ballerina

Verso il matrimonio

Samanta Togni si sposa: tutti gli ex fidanzati e chi è la bella ballerina

Samanta Togni si sposa con Mario Russo (LEGGI qui). La ballerina umbra è una delle big di Ballando con le Stelle dal 2005, maestra adorata alla quale sono stati attribuiti, ...

10.12.2019

Gravissimo lutto per il cantante Al Bano

L'addio

Gravissimo lutto per il cantante Al Bano

Un grave lutto ha colpito il cantante Al Bano Carrisi. E' morta a Cellino San Marco, la mamma Jolanda. La madre di Al Bano aveva 96 anni. A dare la notizia è stato stato il ...

10.12.2019