Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Le novità dell'auto in passerella al Salone di Barcellona 2017

La nuova Seat Ibiza sotto i riflettori del Salone di Barcellona 2017

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

Sabato 13 maggio 2017 apre i battenti al pubblico il Salone dell'automobile di Barcellona. E per otto giorni la città catalana, diventa capitale dell'auto. Intanto nelle giornate dell'11 e del 12 maggio si sono svolte le anteprime riservate alla stampa internazionale e agli operatori del settore. Il salone è ospitato alla Fiera di Barcellona, nello splendido contesto del Parc de la Ciutadella, ai piedi del Palacio Nacional e del Montjuic, proprio dove nel 1888 si svolse l'Esposizione Universale. Il Salone di Barcellona non figura ancora tra le più importanti esposizioni mondiali del settore, ma proprio con l'edizione di quest'anno dimostra di avere tutte le carte in regola per crescere e farsi strada, soprattutto nel settore delle alimentazioni alternative. Barcellona, infatti, è già da tempo considerata come una delle città migliori, in Europa, per le sperimentazioni e i test delle nuove auto ecologiche. E questa vocazione, negli intenti dell'amministrazione catalana, è diventata a crescere fino a far diventare, in futuro, la città come una delle migliori dal punto della "ecosostenibilità" dei suoi veicoli circolanti. Intanto, in questa edizione del 2017, a far da padrona del salone è la Casa automobilistica che gioca tra le mura amiche, la Seat, che storicamente in Catalogna vede la sua sede e che proprio quest'anno festeggia i suoi primi 60 anni di vita (fu fondata il 9 maggio del 1950 dall'Instituto Nacional de Industria per il 51% con la partecipazione di Fiat per il 7%.). Per l'occasione lo stand Seat vede in posizione d'onore un bellissimo esemplare di Seat Seicentos del 1957, modello fotocopia della Fiat 600. Seat, tra l'altro, ha in animo di rispolverare il modello con una futura riedizione della vettura (il progetto per ora è chiamato 600 Bms). Ma lo stand Seat è ricco di molte altre novità, dalla nuovissima Ibiza (al suo debutto internazionale) all'Ateca. E largo spazio viene dato alle innovazioni tecnologiche della Casa. I progetti di Seat, d'altronde  -come ha spiegato il presidente della Seat, l'italiano Luca De Meo - , puntano proprio sullo sviluppo di soluzioni digitali e sulla connettività delle proprie vetture, nonché sulla guida autonoma: "Siamo già uno dei marchi automobilistici più dinamici al mondo - ha detto De Meo in una affollata conferenza stampa - e ora vogliamo essere  campioni dell'auto connessa". De Meo ha anche annunciato il prossimo debutto dell'Arona, un suv compatto (è atteso entro fine 2017) e di un suv extra large sulle orme della "sorella" Skoda Kodiaq (Seat e Skoda, lo ricordiamo, sono marchi dello stesso gruppo Volkswagen). A Barcellona espongono i loro prodotti 36 marche automobilistiche, tra le quali anche le italiane Fiat, Jeep, Alfa Romeo, Abarth, Maserati e Ferrari (peccato, però, che lo stand del Cavallino sia contornato alle spalle da qualche inestetica ragnatela dimenticata sulle pareti dal servizio di pulizia...). Ci sono poi anche Renault, Toyota, Suzuki, Mercedes (anche con le sue ammiratissime Amg), Kia, Hyundai, Lexus, Nissan, Infinity, Tesla. Una menzione particolare la merita Mahindra che proprio qui a Barcellona mette in passerella tutta la sua rinnovata gamma 2017/2018 e brinda ai debutti europei del restyling del GOA Pick-Up e di XUV500 W10, la nuova versione del veicolo di punta del marchio già ordinabile dai concessionari. Mahindra espone anche un bellissimo prototipo XUV Aero, anch'esso per la prima volta in Europa, anticipa le linee guida future del design di famiglia. Sergio Casagrande PER SAPERNE DI PIU' - www.automobilebarcelona.com