Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Finisce in carcere cinque anni dopo aver provocato incidente mortale

default_image

Susanna Guarino
  • a
  • a
  • a

Ieri attorno alle ore 9.30, i Carabinieri della Stazione di Acquaviva di Montepulciano hanno dato esecuzione  a un ordine di carcerazione a seguito di condanna, emesso in data 7 giugno 2018 dal Tribunale di Siena, nei confronti di un 33enne operaio agricolo, nato a Chiusi ma residente a Montepulciano. L'uomo è stato condannato e deve espiare 3 anni e 8 mesi di reclusione più sei mesi di arresto per omicidio colposo e guida sotto l'influenza di sostanze stupefacenti e alcol. Il fatto risale al 26 giugno 2013 e accadde a Montepulciano. Dopo la redazione dei necessari verbali l'uomo è stato tradotto al carcere di Santo Spirito a Siena. Cinque anni fa, dopo l'incidente, il giovane, D.G., che all'epoca aveva 28 anni, rifiutò di sottoporsi ad alcoltest e test per gli stupefacenti. Un rifiuto che comporta automaticamente un'ammissione di positività secondo la giurisprudenza della Cassazione e gli ha prodotto una condanna più pesante. L'incidente accadde una domenica mattina attorno alle dieci nei pressi di Via della Macchia, una strada poco trafficata che collega Montepulciano Stazione ad Acquaviva di Montepulciano, uno scontro frontale che interessò una Renault Clio e un'Alfa Romeo 156. Il conducente di quest'ultima, Gianni Fanciulli, 63 anni, morì al Pronto Soccorso dell'Ospedale Le Scotte dove venne immediatamente trasportato con eliambulanza.