Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Processo al Palio, 37 contradaioli chiudono il conto con la giustizia

Marco Decandia
  • a
  • a
  • a

Si è notevolmente alleggerito il numero dei contradaioli che hanno ancora un conto aperto con la giustizia per i tafferugli avvenuti in Piazza dopo il Palio di agosto del 2015. Fra patteggiamenti e riti abbreviati, 37 imputati hanno risolto il procedimento mentre gli altri 31 andranno a processo per scelta dei rispettivi difensori. Solo due persone sono state scagionate dall'accusa: una del Valdimontone, assolta per non aver commesso il fatto, e il vicario dell'Onda, assolto perché il fatto non costituisce reato. Per tutti gli altri, che hanno scelto la formula del patteggiamento e del rito abbreviato, una pena pecuniaria di 150 euro perché l'accusa è stata alleggerita da rissa aggravata a rissa semplice. Tutti i contradaioli del Nicchio hanno accettato il rinvio a giudizio, mentre spariscono dalla scena giudiziaria i 15 torraioli, il cui avvocato ha scelto il rito abbreviato per 13 di loro e il patteggiamento per 2.