Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

E' il gran giorno di Costone-Virtus

Marco Decandia
  • a
  • a
  • a

E' arrivato il giorno della grande partita: il derby tra Vismederi Costone e La Sovrana Pulizie Virtus, che inaugurerà la stagione di serie C Silver. Le due squadre ci arrivano in condizioni fisiche non ottimali, ma è anche vero che in una stracittadina le cose cambiano, la spinta del fisico lascia il posto a quella emotiva e tutto può succedere. Lo sa bene coach Pierfrancesco Binella del Costone: "Dobbiamo aspettarci una partita forse non del tutto vera per noi e per loro, ma dalla carica agonistica importante. Sarà sentita da tutte e due le società, come è giusto che sia un derby di tale importanza a livello cittadino. Speriamo che sia una bella partita come lo è stata due anni fa". Analisi molto simile a quella del suo avversario, il coach della Virtus Francesco Braccagni: "In simili occasioni conta prepararsi a livello tecnico, ma forse l'aspetto mentale sarà preponderante. In settimana ho cercato di lasciare i ragazzi tranquilli, provando a tenerli mentalmente lucidi e concentrati. Mi aspetto un avversario agguerrito, come è nello stile del Costone. I gialloverdi ce la metteranno tutta, Nepi, Bruttini e Benincasa sono i loro trascinatori. Sarà una vera e propria battaglia sportiva". Di certo non sarà una domenica come le altre per Francesco Bonelli, che al Costone ha trascorso 7 anni, centrando la storica promozione in B. Dopo l'anno in maglia Mens Sana, con il ritorno in A2 dei biancoverdi, ha accettato la chiamata virtussina e dunque sarà un avversario. "Non escludo - sdrammatizza il play - di entrare in campo e sbagliare panchina. Vedrò tanti volti noti, che saluterò volentieri. Quando arriverà il momento della palla a 2, però, non guarderò in faccia nessuno, perché adesso gioco per la Virtus e voglio vincere a tutti i costi. Spero che si tratti di una bella sfida, come è giusto che sia tra queste due realtà in una città come Siena, che è innamorata del basket”.