Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, badante nasconde al fisco 30mila euro

Esplora:

Riccardo Pagliantini
  • a
  • a
  • a

Il lavoro di colf e badanti, o più in generale il lavoro “domestico”, è un'attività per la quale la richiesta è in continua crescita, così come l'importanza sociale che gli viene riconosciuta. Non per questo però, quando gli introiti percepiti per il servizio reso a domicilio superano la soglia di esenzione riconosciuta dal fisco, viene meno l'obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi. Questa volta i finanzieri del Comando Provinciale di Siena hanno messo sotto la lente di ingrandimento l'attività svolta da una badante, sessantenne di origini indiane residente nel capoluogo, che dal 2014 al 2017 non ha mai presentato la prevista dichiarazione dei redditi, arrivando a percepire compensi totalmente “in nero” per quasi 33.000 euro.