Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, badante evade il fisco: non dichiara 40 mila euro. Smascherata dalla Guardia di Finanza

Riccardo Pagliantini
  • a
  • a
  • a

Badante evade il fisco. Questa volta a finire sotto la lente di ingrandimento delle Fiamme Gialle senesi è stata una badante, sessantenne di origini ucraine residente in Val d'Aria in provincia di Siena, che dal 2014 al 2017 non ha mai presentato la prevista dichiarazione dei redditi, arrivando a percepire compensi totalmente “a nero” per circa 40 mila euro. Il lavoro di colf e badanti, o più in generale il lavoro “domestico”, è un'attività per la quale la richiesta è in continua crescita, così come l'importanza sociale che gli viene riconosciuta. Non a caso, infatti, tali lavoratori assumono oramai la veste di veri e propri ammortizzatori sociali che sostengono le famiglie nella gestione delle incombenze domestiche e nella cura degli anziani. Non per questo, però, viene meno l'obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi quando gli introiti superano la soglia di esenzione. Anche in questo caso, determinanti sono stati gli accertamenti effettuati mediante le banche dati un uso al Corpo e gli incroci con le informazioni acquisite presso l'ufficio provinciale dell'Inps che ha permesso di quantificare l'ammontare dei redditi di lavoro dipendente non dichiarati, suddivisi per anno, oltre che servizi di controllo economico del territorio.