Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena piange Giampaolo Pansa, scrittore innamorato della città

Andrea Bianchi
  • a
  • a
  • a

Giampaolo Pansa è morto a 84 anni, a Roma. Il popolare giornalista e scrittore è stato vicedirettore di Repubblica e condirettore de L'Espresso. Pansa, nato a Casale Monferrato, in provincia di Alessandria, l'1 ottobre 1935, era tornato a scrivere per il Corriere della Sera, di cui è stato inviato speciale dal 1973 al 1977, lo scorso settembre. Nella sua carriera, iniziata a 26 anni, a La Stampa, ha lavorato anche per Il Giorno, Il Messaggero, di cui è stato redattore capo, e la Repubblica, prima in qualità di inviato speciale, poi come vicedirettore e in seguito come editorialista. Pansa ha lavorato anche per i settimanali Epoca e Panorama. Per il giornale fondato da Mondadori ha creato la rubrica Bestiario, proseguita successivamente nella pubblicazione del gruppo De Benedetti. Il 30 settembre 2008, lascia L'Espresso in contrasto con la linea editoriale e la sua firma si ritrova prima su Il Riformista, poi su Libero e La Verità. Pansa è stato autore anche di diversi saggi. Fra i più discussi, "Il sangue dei vinti" sulle barbare uccisioni dei militi della Repubblica sociale italiana da parte dei partigiani per cui è stato molto criticato proprio perchè restituiva -lui, uomo di sinistra - la dignità e la storia a migliaia di giovani italiani che avevano combattuto per l'Italia di Mussolini. Giampaolo Pansa è stato un amico di Siena di cui si innamorò moltissimi anni fa tanto da decidere di acquistare una casa nel centro storico. E ogni tanto era possibile vederlo camminare per le vie principali. Una volta raccontò a RadioUno perfino di aver avuto una "condotta da senese" intimando a due motociclisti di fermarsi perchè in divieto di transito e riprendendo con toni severi un giovane che stava orinando in un vicolo. Poteva fregarsene, ma l'amore per la città che sentiva anche sua gli imponeva di farla rispettare prima di tutto attraverso l'educazione. Più volte ha partecipato alla presentazione di libri sia a Siena sia nei comuni limitrofi. Proprio in provincia di Siena viveva con la seconda moglie, la scrittrice Adele Grisendi.