Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mps, la ricetta di Furlan: "Il futuro della banca deve essere nel pubblico"

Aldo Tani
  • a
  • a
  • a

Tra le righe, ma neanche troppo. Per Banca Mps il futuro è il pubblico, inteso come Tesoro/Stato. Per lo meno secondo il segretario generale Uilca, Fulvio Furlan, che ha prospettato ciò che deve essere per Rocca Salimbeni. “E’ necessario pensare a una soluzione di sistema per creare un settore pluralista in grado di sostenere territori, imprese e famiglie – ha affermato il dirigente sindacale, a margine della presentazione dello stato di salute degli istituti di crediti, analizzati dal centro studi “Orietta Guerra” al 30 settembre -. In questo scenario vanno trovate soluzioni per realtà quali Monte dei Paschi di Siena, anche prevedendo un ruolo dello Stato, senza pregiudizi, in linea con quanto ha affermato anche la presidente della Commissione Bicamerale sulle Banche Carla Ruocco. Analoghe considerazioni andrebbero fatte in riferimento ad altre situazioni complesse come quelle di Carige e Popolare di Bari”. 
 

 

Furlan non ha pronunciato le parole magiche che più volte sono circolate in questi mesi, banca pubblica d’investimento, ma il riferimento alla parlamentare pentastellata Ruocco, porta a questo. Questa soluzione, evocata anche dall’ex sindaco Pierluigi Piccini, non ha termini di paragone nel nostro Paese, mentre in Germania ci sono situazioni analoghe. La rivoluzione, da portare avanti con una riscrittura completa degli assetti statutari, sarebbe comunque destinata a chiudere una pagina di storia. Potrebbe, come auspicato da Piccini, diventare un punto di riferimento creditizio per l’Italia centro-meridionale. Difficile però che per Siena, di fronte a questa trasformazione, ci possa essere ancora spazio. Anzi, questa strada per il territorio rischia di essere più penalizzante

 

 

C’è poi la questione legata all’interlocutore. Il Mef, seguendo le logiche di Bruxelles, ha dimostrato la volontà di disfarsi di Montepaschi. Con Unicredit non è andata a finire bene, ma questo non significa nulla. Certo, ora dovrà giocare da solo per almeno due anni, ma è presumibile che questo tempo sarà utilizzato per rendere ancora più appetibile il pacchetto. Il problema è semmai legato alla “cura dimagrante” e le tempistiche per metterla in pratica, vedi la voce “esuberi”. L’attenzione del Tesoro in questo caso è massima, sulle divagazioni sul tema meno.