Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Caccia, Tar accoglie ricorso delle associazioni

Riccardo Pagliantini
  • a
  • a
  • a

Il Tar della Toscana, accogliendo il ricorso di Wwf, Lipu, Lav, Lac, Enpa, ha annullato definitivamente la delibera con cui la regione Toscana aveva approvato il calendario venatorio per la stagione di caccia 2018/19, da poco terminata e già parzialmente sospesa dal Consiglio di Stato.  Il giudice amministrativo della Toscana, con la sentenza del 22 marzo scorso, ha reso giustizia a Beccacce, Alzavole, Marzaiole, Germani, Merli, Colombacci, Tortore e tanti altri animali selvatici che frequentano i cieli della Toscana. Ha anche scritto parole chiarissime sulla necessità di rispettare i pareri di Ispra (l'istituto nazionale scientifico dello Stato che fornisce i pareri tecnici sui provvedimenti delle regioni in materia di caccia, verificandone la conformità con le regole europee sulla protezione degli animali selvatici) , che definisce “oltre che logici e ragionevoli” anche basati “sui criteri scientifici ufficiali” dell'Unione europea (i” Key Concepts”). Il Tar ha richiamato l'attenzione sulla necessità da parte dei pubblici amministratori di tutelare gli animali selvatici, in particolare gli uccelli migratori, durante i periodi di riproduzione e di ritorno ai luoghi di nidificazione degli (la “migrazione prenuziale”) come prescrivono i principi europei ed internazionali sulla conservazione della biodiversità.