Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Omicidio nel carcere di San Gimignano dopo lite tra due detenuti

default_image

Andrea Bianchi
  • a
  • a
  • a

Omicidio tra le sbarre nel carcere di San Gimignano: a seguito di un violento litigio tra due detenuti rumeni, uno ha ammazzato l'altro con uno sgabello di legno. “Carceri sempre più ingovernabili”, denuncia con forza il Sindacato autonomo polizia penitenziaria Sappe, il primo e più rappresentativo della categoria, da tempo in prima linea a sollecitare provvedimenti urgenti per i penitenziari toscani e del Paese. La lite tra i due carcerati, di cui uno già conosciuto per il suo stato psicologico alterato, sarebbe divampata per futili motivi. Il detenuto ucciso era un ergastolano in carcere per omicidio. Originario della Romania anche il compagno che lo ha ucciso. I due erano in cella da soli e l'omicida durante l'alterco ha preso uno sgabello di legno con il quale ha colpito più volte in testa e sul corpo il compagno di cella che è poi deceduto.