Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Morte a Siena del giovane Arturo, Gup vuole nuova perizia. Pm chiede 4 anni di carcere al pirata della strada

Andrea Bianchi
  • a
  • a
  • a

Quattro anni e sei mesi di carcere. E' la condanna chiesta dalla Procura della Repubblica di Siena per il commerciante veneto Marco Bedana che il 28 dicembre 2018 uccise il giovane Arturo Pratelli di 17 anni. Il Gup Roberta Malavasi ha disposto una nuova perizia tecnica sull'incidente  avvenuto sulla Sp 73 nel comune di Sovicille rinviando così la decisione. Bedana, che ha chiesto il rito abbreviato, è accusato di omicidio stradale. Dopo l'impatto che costò la vita al giovane senese, il commerciante fece ritorno a casa senza prestare soccorso. L'uomo venne rintracciato dopo pochi giorni dai carabinieri. Gli avvocati di Bedana, però, hanno contestato che il loro assistito sia un "pirata della strada" sostenendo che oltre a non accorgersi dell'impatto, il giovane Arturo si trovava al buio in mezzo alla strada. Per questo motivo il Giudice dell'udienza preliminare ha conferito l'incarico ad un consulente che dovrà ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente mortale e dove è avvenuto l'impatto. Per il pubblico ministero Nicola Marini, invece, le responsabilità sono chiare e per questo ha chiesto la condanna di Bedana.