Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Eversione a Siena, il sindaco telefona al Questore

Luigi De Mossi

Andrea Bianchi
  • a
  • a
  • a

Il giorno dopo il blitz della polizia che ha portato all'arresto di due persone e la denuncia di altri 10 individui accusati a vario titolo di fare parte di una struttura estremistica pronta a far saltare la moschea di Colle Val d'Elsa, le indagini proseguono serrate. In programma la convalida degli arresti di Andrea e Yuri Chesi accusati di possesso illegale di esplosivo. Nel frattempo il sindaco di Siena Luigi De Mossi ha telefonato al Questore Costantino Capuano dopo che nella giornata di martedì 12 novembre, lontano dai riflettori, ha seguito costantemente l'evolversi dell'operazione della Polizia. Questa mattina, 13 novembre, la presa di posizione ufficiale subito dopo il rendez-vous con Capuano con il quale il sindaco si è complimentato "del lavoro svolto e del risultato ottenuto; è stata un'operazione tesa a stroncare sul nascere fenomeni che potevano essere degenerativi". "L'Amministrazione comunale - ha detto De Mossi - rinnova i complimenti per l'operazione svolta dagli uomini e dalle donne della Polizia di Stato di Firenze e Siena, coordinati dalla Procura della Repubblica - Direzione distrettuale antimafia presso il tribunale di Firenze. Stiamo seguendo gli sviluppi dell'inchiesta e condanniamo ogni forma di estremismo politico e chiunque voglia usare la violenza. Questo tipo di fenomeni non appartengono al nostro territorio, alla nostra cultura e trovano la ferma condanna di ogni forza politica e di ogni cittadino che si riconosce nei valori della Costituzione".