"Nuovo progetto Terre di Siena per la rinascita". La proposta di Susanna Cenni (Pd) per il dopo Coronavirus

Il dibattito

"Nuovo progetto Terre di Siena per la rinascita". La proposta di Susanna Cenni (Pd) per il dopo Coronavirus

07.05.2020 - 07:26

0

di Alessandro Lorenzini

Susanna Cenni, parlamentare del Partito Democratico, parte la fase due, ma tante categorie di lavoratori protestano, anche in maniera clamorosa. Cosa fare? 

“Credo che alcune proteste siano dalla parte della ragione, anche per il ritardo delle procedure, il presidente Conte ha chiesto scusa. Il sistema bancario è andato a rilento, l’Inps ha perso molto tempo nell’erogazione dei seicento euro, tanto per fare due esempi. La burocrazia ci ha messo del suo. C’è certamente un problema di risorse per chi non lavora da due mesi e oltre. E poi il tema delle riaperture è serissimo. Mi pare che però rispetto a quanto annunciato da Conte domenica scorsa ci siano importanti novità. Già in aula ha detto che sarà fatto il punto fra due settimane, c’è un decreto in preparazione da parte del ministro Speranza con l’individuazione di indicatori che hanno a che fare con i dati dei contagi e la velocità di questi. La Toscana, insieme ad altre regioni, sarebbe nel riquadro favorevole. Per questo credo che, senza le corse che sta facendo per esempio la Calabria, in un tavolo di coordinamento Stato-Regioni si possa riaprire a metà maggio. Con grande cautela, certo, perché bisogna farlo solo a determinate condizioni, se ripartisse il contagio sarebbe un problema enorme. Si ripartirebbe in autunno e sarebbe un disastro”. 

Serve però anche un sostegno economico a tutte le attività.

“Nei decreti che stanno uscendo ci saranno contributi per 15 miliardi di euro a fondo perduto per piccole e medie imprese. Ne usufruirà chi ha subito danni di fatturato. Penso ai settori del turismo e del commercio, dell’agricoltura ferma non soltanto perché sono fermi ristorazione e bar, ma perché lavora con prodotti freschi non accantonabili. Dobbiamo pensare anche a una riduzione delle tasse o a un suo annullamento, magari attraverso gli stessi contributi a fondo perduto”.

Negli ultimi giorni il Pd ha avuto un atteggiamento meno istituzionale nei confronti del governo?

“Sosteniamo con lealtà il governo e gli sforzi che Conte fa, ricordiamoci che la fase che stiamo vivendo non poteva prevederla nessuno. Il Pd è impegnato a stimolare il governo”. 

Siena su cosa deve puntare per la ripresa?

“Deve continuare il confronto istituzionale con il territorio. Deve rinascere un progetto Terre di Siena, che coinvolga tutte le realtà. Integrare con gli strumenti locali le misure delle stato e delle regioni. Rimettere in campo le dovute progettualità significa tornare a ripensare un po’ il nostro territorio. Stiamo vivendo una stagione che porterà a una situazione in cui niente sarà più come prima, per cui dobbiamo ragionare sui punti di forza. Ad esempio la fruizione turistica, che per la prossima fase sarà nazionale e in questo senso le nostre aree rurali possono andare incontro ai principi di distanziamento sociali, più che in altri luoghi come una spiaggia affollata. Poi c’è il capitolo degli investimenti tecnologici e le valutazioni sul loro funzionamento, in questo periodo qualche fatica c’è stata”.

Il Comune Siena ha varato una manovra da sette-dieci milioni di euro. Cosa ne pensa?

“Ogni iniziativa messa in campo, soprattutto nei settori turistici e commerciali, è assolutamente utile. Lo hanno fatto anche altre amministrazioni a vocazione turistica come San Gimignano o Montalcino o Montepulciano. Va ricordato che i Comuni sono stati lo snodo fondamentale dell’emergenza sanitaria. E che hanno una situazione molto difficile delle casse. Nei prossimi decreti si parla di cinque miliardi per le amministrazioni locali, che saranno fondamentali per la liquidità e per iniziative di questo genere. Certo servirebbe più coordinamento, anche tramite la Provincia”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Stasera in tv 28 maggio 2020, Femmine contro maschi su Canale 5 con Claudio Bisio: anticipazioni

Televisione

Stasera in tv 28 maggio 2020, Femmine contro maschi su Canale 5 con Claudio Bisio: anticipazioni

Il film Femmine contro maschi va in onda stasera, giovedì 28 maggio 2020, su Canale 5. Una pellicola di Fausto Brizzi del 2011, con Claudio Bisio, Nancy Brilli, Salvo Ficarra,...

28.05.2020

Uomini e Donne di oggi giovedì 28 maggio: le anticipazioni. Discussione con l'Alchimista

Televisione

Uomini e Donne di oggi giovedì 28 maggio: le anticipazioni. Discussione con l'Alchimista

Va in onda una nuova puntata di Uomini e Donne condotto da Maria De Filippi, oggi giovedì 28 maggio 2020, alle 14,45, su Canale 5. Al centro della puntata - secondo le ...

28.05.2020

Stasera in tv 28 maggio, su Rai Premium (canale 25) "The Resident": appassionante serie televisiva

Televisione

Stasera in tv 28 maggio, su Rai Premium (canale 25) "The Resident": appassionante serie televisiva

Va in onda stasera “The Resident”, medical drama su Rai Premium (canale 25 del digitale terrestre) in prima serata alle 21.20 ogni giovedì da oggi 28 maggio. Per approfondire ...

28.05.2020