Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Patty malata da 70 giorni: "Fase 2 troppo presto, continuate a restare a casa"

(Foto di archivio)

Giuseppe Silvestri
  • a
  • a
  • a

E' malata di Coronavirus dal 23 febbraio ed è ancora in isolamento nella sua abitazione di Firenze. Ha lanciato un appello via Facebook: "Mi chiamo Patty, sono affetta da Coronavirus dal 23 febbraio, confermato da tampone positivo il 2 marzo e attualmente ancora positiva. Questo per dirvi che siamo oltre i 70 giorni da quando mi sono ammalata e per dirvi che questo virus non è uno scherzo. Invito tutti a stare a casa. Lo so che va in controtendenza e molti non mi sopporteranno. Ma penso che sia importante stare a casa perché il virus c'è ancora, ci sono ancora le persone malate". Lei è una quarantenne, una delle prime persone contagiate in Toscana. "E' fondamentale usare tutte le mascherine, i guanti, i disinfettanti, mantenere la distanza, ma, secondo me, questa seconda fase è un po' precoce perché ancora ci sono tanti malati infetti. Se ricordiamo la paura che le persone avevano quando sono emersi i primi casi, immaginate che adesso ci sono un sacco di persone in giro e molte di loro possono essere positive e contagiare gli altri", afferma. Di ritorno da Bergamo, dove era stata per lavoro, Patty era stata ricoverata all'ospedale Santo Stefano di Prato. Dal 10 marzo è in isolamento nella sua casa a Firenze, ancora con sintomi, anche se adesso più lievi. "Questo virus - racconta ancora - fa venire molti sintomi, tra cui anche cefalea fortissima, congiuntivite, temperatura che sale e scende, problemi alla pelle, macchie cutanee, dolori delle ossa e delle articolazioni, e nella migliore delle ipotesi va così". Poi conclude, rinnovando l'appello: "Sinceramente - dice - invito tutti a stare il più possibile a casa. Penso che queste riaperture siano arrivate troppo presto. Ho visto persone che non stanno attente, assembramenti anche senza mascherine, e credo che sia un momento molto, molto pericoloso. Sono molto preoccupata per tutti quelli che si possono ammalare, anche gravemente, rischiando di non farcela. Non pensiamo solo a noi, ma a tutti".