Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giornalista contagiato dal Coronavirus scrive il diario della malattia

Esplora:

Susanna Guarino
  • a
  • a
  • a

Non ha fatto mistero della propria positività al Coronavirus il giornalista del sito Amiatanews Marco Conti, ed ha raccontato le paure, speranze e sensazioni che sta provando in questi giorni della malattia. "Dopo 12 giorni, la prima mattinata è passata senza febbre - scrive Marco Conti. - Sono debolissimo, con il pensiero fisso al babbo che è a Le Scotte. Non posso vederlo, né sentirlo. Un'agonia che mi distrugge. Mi hanno chiamato ieri i medici senesi e mi hanno spiegato la situazione. Li ringrazio per quello che stanno facendo per lui, con professionalità e commovente amore. In molti mi avete scritto facendo sentire vicinanza e affetto sincero. Alcuni siete scomparsi appena saputa la positività, testimonianza della vera verità dell'interesse mostrato. Comprendo. Il virus non siamo noi, non lo abbiamo portato noi: lo abbiamo preso e forse trasmesso. Ma non lo abbiamo creato e diffuso noi. Non cerchiamo i colpevoli. Non ci sono colpevoli. Stiamo insieme, uniti come non mai. Pensiamo attraverso la conoscenza, la competenza e la correttezza; non la sufficienza che tanto fa male e altera la verità delle cose. Se, anche il resto della giornata sarà per me senza febbre, da domani proverò pian pianino a pubblicare qualcosa; lo spero per tutta la mia famiglia, per il babbo, per il nipotino Leonardo che mi è vicino, per mio fratello, per mio nipote e per M. Nel frattempo dobbiamo essere consapevoli della situazione, cercando di essere ancor più forti, sereni e giusti".