Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tartuca, il priore presenta il corteo della vittoria

default_image

Riccardo Pagliantini
  • a
  • a
  • a

Corteo in notturna, ma con un orario un po' anticipato rispetto a quanto era stato preventivato. Si avvicina un altro giorno importante per la contrada della Tartuca, quello del corteo della vittoria. Che partirà sabato alle ore 19 dalla Lizza, quindi un po' prima rispetto alle anticipazioni dei giorni scorsi, e arriverà poi in Piazza del Campo verso le ore 21.  Da lì i contradaioli della Tartuca torneranno nel rione per terminare tutti insieme la serata in attesa di un giorno particolare e significativo, vista la motivazione per la quale si è corso il Palio straordinario: il 4 novembre sarà infatti esattamente il centenario dalla fine della Grande Guerra. Sono giorni “straordinari” e frenetici, con i contradaioli impegnati nella preparazione del corteo. Tanti i temi che verranno affrontati e utilizzati: dalla motivazione per lo Straordinario (per l'appunto i cento anni dalla fine del primo conflitto mondiale), alla vittoria di Remorex scosso, al duello con la rivale sul tufo.  “Godiamoci questo successo nei giusti modi – ha commentato il priore del rione di Castelvecchio, Paolo Bennati –, con la giusta calma e serenità, sfruttando al meglio un'occasione utilissima anche per rinsaldare i rapporti, lavorare fianco a fianco e divertirsi insieme con la consapevolezza di quello che abbiamo fatto”. E ancora l'onorando: “Sul corteo non voglio svelare troppo, le idee sono tante. Nei contradaioli vedo grande entusiasmo e voglia di fare e di stare insieme. Molti si sono proposti per il lavoro da fare per il corteo e anche per quello che dovremo fare successivamente. Si sono formati gruppi intergenerazionali, con contradaioli di età differenti gli uni a fianco agli altri". "Nel corteo ci saranno anche molti bambini, quindi avere un po' anticipato l'orario di partenza sarà un fatto positivo anche per far gustare meglio a loro questo momento. Il meteo? Beh, per adesso facciamo finta di non guardarlo e ovviamente speriamo che il bel tempo ci aiuti in questa giornata”.  Nelle prossime settimane, nei week end, proseguiranno i cenini: la contrada ha trovato il modo per allestire le coperture in modo da effettuarli all'esterno nei giardini di Sant'Agostino.