Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Evade dal carcere di Santo Spirito: caccia all'uomo

Riccardo Pagliantini
  • a
  • a
  • a

Aveva ottenuto un permesso premio ma, allo scadere del beneficio, non è rientrato nel carcere di Siena, dove era ristretto, facendo perdere le sue tracce. “Tecnicamente si tratta di evasione, e questo non può che avere per lui gravi ripercussioni se non si costituisce al più presto”, spiega Donato Capece, segretario generale del sindacato autonomo polizia penitenziaria Sappe. Capece giudica la condotta del detenuto “un evento irresponsabile e gravissimo, per il quale sono già in corso le operazioni di polizia dei nostri agenti della penitenziaria finalizzare a catturare l'evaso. L'uomo, con condanna definitiva per furto, beneficiava già dell'ammissione al lavoro articolo 21, che permette il lavoro all'esterno con pernottamento in Istituto: usciva alle 8 e rientrava alle 21. Alle 9 di lunedì 3 settembre, dopo 12 ore di non rientro programmata alle 21 di ieri, è scattato il reato di evasione”.