Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gingillo: "E' dura non poter correre il Palio di Siena per un anno ma il peggio è passato e sono motivato"

Marco Decandia
  • a
  • a
  • a

Giuseppe Zedde scalpita per tornare sul tufo. Dopo aver trionfato nel Palio del 16 agosto 2018 nella Lupa con Porto Alabe e aver preso parte allo straordinario di ottobre con il giubbetto dell'Oca, Gingillo ha dovuto affrontare un anno alla finestra per squalifica. Il 2019, però, è alle spalle, e ora il suo è di nuovo uno dei nomi più desiderati dalle dirigenze di contrada. “Io ho tantissima voglia - sottolinea il fantino 3 volte vittorioso. -  Non fa piacere non poter correre il Palio di Siena, e quando sei squalificato ti scoccia, non sei felice se ti tocca rimanere a guardare gli altri che corrono. Tuttavia il peggio è passato, e sono ancora qua. Alla fine dopo l'ultima Carriera dell'Assunta, tutti hanno spostato gli obiettivi su quella di Provenzano del 2020. Io in questo lasso di tempo ho cercato di fare le cose come dovevano essere fatte e di lavorare al meglio. Sono contento, ci sono dirigenze che mi sono vicine e correre in Piazza del Campo mi è davvero mancato”. Per approfondire, ecco il filmato dell'ultima vittoria di Gingillo