Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Derubato della bici che aveva rubato, fa denuncia alla polizia. Che lo becca

L'incredibile vicenda avvenuta a Siena con protagonista un manolesta boliviano

Carlo Pellegrino
  • a
  • a
  • a

Un arresto e una denuncia per furto aggravato in concorso, di biciclette, e una denuncia, successiva, per simulazione di reato, ricettazione e falso in atto pubblico. Tutto inizia alle 15.30 circa di lunedì 24 settembre: un uomo vede, a distanza, che una coppia gli sta rubando la bicicletta parcheggiata in piazza Matteotti, a Siena, e subito si allontana. Decide allora di inseguire a piedi i due ladri di biciclette e allo stesso tempo chiama il 113. Resta in linea con il poliziotto della sala operativa della questura, mentre scatta l'intervento delle volanti che si conclude rintracciando i due. I poliziotti delle volanti della questura, con gestione tempestiva dell'intervento, rintracciano infatti la coppia di ladri, due filippini di 28 anni lei e 33 lui, che stavano cercando di nascondersi all'interno della stazione ferroviaria di Siena, e dopo gli accertamenti del caso denunciano lei, incensurata, ed arrestano lui, pluripregiudicato. I due hanno due biciclette. Dagli accertamenti emerge che la prima, rossa e nera, era stata rubata in Prato Sant'Agostino, mentre la seconda, nera e verde, subito dopo. Una volta giunti in ufficio, ladri e presunto proprietario della seconda bici, vengono effettuati i successivi riscontri e gli agenti rintracciano la proprietaria della prima bicicletta, L. P. senese, alla quale la restituiscono. Il proprietario della bici verde e nera, un boliviano di 31 anni, sporge regolare denuncia e anche a lui viene restituito il mezzo. Storia ordinaria a lieto fine fino a qui. Ma i poliziotti dell'ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico il giorno dopo approfondiscono gli accertamenti e, con grande stupore, scoprono che colui che li aveva chiamati aiutandoli a rintracciare i ladri, il boliviano appunto, non è il vero proprietario della bici verde e nera, denunciata rubata alcuni giorni prima da un cittadino italiano residente a Grosseto. Vistosi spacciato, lo straniero ha ammesso di aver fatto una sciocchezza, con l'intento di mettere alla prova l'efficienza della polizia italiana. Alla fine delle indagini quindi è stato anche lui denunciato per simulazione di reato, ricettazione e falso in atto pubblico.