Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Solo lavoratori in nero nell'azienda agricola: uno è irregolare

Carlo Pellegrino
  • a
  • a
  • a

Continua la campagna di lotta al lavoro nero da parte dei carabinieri di Siena. A Murlo, in un'azienda agricola, i carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro unitamente a militari della locale stazione, hanno denunciato due persone. Un ventenne albanese a cui era stato rifiutato il rinnovo del permesso di soggiorno, in quanto denunciato per alcuni furti, da ritenersi quindi irregolare sul territorio italiano, veniva denunciato per non aver lasciato il territorio nazionale. Questi veniva identificato mentre svolgeva attività lavorativa all'interno dell'azienda agricola, per conto di una società contoterzista.Un 33 albanese, residente a Greve in Chianti, datore di lavoro del primo, è risultato invece operare in quella sede con la propria ditta, con quattro lavoratori in nero, in quanto privi di contratto di lavoro all'atto delle verifiche compiute dal reparto speciale dell'Arma, pari al 100% della forza lavoro impiegata. Nei suoi confronti veniva emesso un provvedimento di immediata sospensione dell'attività imprenditoriale. Lo stesso straniero veniva anche denunciato per la violazione di alcune previsione della normativa finalizzata alla prevenzione delle malattie e degli infortuni sul lavoro, non avendo fatto sottoporre alla visita medica propedeutica all'assunzione i propri dipendenti. Saranno comminate sanzioni amministrative pecuniarie fino ad un massimo di 14.000 euro e ammende penali sino a un massimo di 5.600 euro.