Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Robur mette paura alla capolista, poi soccombe

Andrea Bianchi
  • a
  • a
  • a

Alessandria-Robur Siena 5-2 ALESSANDRIA (4-4-2): Vannucchi; Celjak, Gozzi, Piccolo, Manfrin; Marras (74' Sosa), Cazzola, Mezavilla, Sestu (52' Branca); Gonzalez (82' Marconi), Bocalon. A disposizione: La Gorga, Barlocco, Iocolano, Cottarelli, Nicco, Fissore. All. Braglia. SIENA (3-5-2): Moschin; D'Ambrosio, Stankevicius, Bordi; Grillo (74' Terigi), Vassallo (71' Firenze), Gentile, Guerri, Iachipino; Bunino (71' Marotta), Mendicino. A disposizione: Ivanov, Rondanini, Panariello, Ghinassi, Lucarini, Doninelli, Ventre, Masullo, Saric, Secondo. All. Colella. ARBITRO: Guida di Salerno (assistenti Trinchieri-Catamo) RETI: 10' Marras, 16' Gonzalez. 39' Mendicino, 41' Bunino, 44' Bocalon, 64' Gonzalez, 89' Bocalon. La Robur mette paura alla capolista nel primo tempo, poi l'Alessandria dilaga. I padroni di casa subito in vantaggio con Marras e raddoppiano con l'ex Gonzalez sei minuti più tardi dopo un brutto errore di Stankevicius. Quando la capolista sembra dilagare, il Siena viene fuori prima con Mendicino su calcio di rigore e due minuti più tardi con Bunino che sfrutta un cross dalla sinistra. Al 44' però la Robur si inceppa ancora e subisce la terza con Bocalon che fa il tap-in ad una respinta di Moschin. Ripresa con il Siena all'attacco per centrare il pareggio, ma su una rapida ripartenza Gonzalez trova al 64' la quarta rete. In pieno recupero l'ultima rete, la quinta, è di Bocalon che fissa il risultato sul 5-2, troppo pesante per un Siena generoso che per un tempo ha retto la corazzata grigia. La partita è stata giocata in una nebbia fastidiosa tanto che l'arbitro ha sospeso pure la partita per qualche minuto.