Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Robur, cuore e voglia di Lega pro

Marco Decandia
  • a
  • a
  • a

Un'incredibile Robur a Sansepolcro domina nel primo tempo senza riuscire a sfondare, resta in 10 e rischia di capitolare quando perde il portiere Fontanelli per espulsione dopo che ha causato un rigore a favore dei locali, fa debuttare tra i pali il giovane (classe '98) Biagiotti che neutralizza il tiro dagli 11 metri e poi, in inferiorità numerica, trova il gol del vantaggio con un penalty realizzato da Minincleri. L'1-0 ai danni del Vivi Altotevere profuma tanto di Lega pro, ma per avere la certezza manca una vittoria, che potrebbe arrivare nel prossimo turno, contro il Gavorrano. Mister Massimo Morgia, che era squalificato, si è concesso una domenica da tifoso e ha visto la sfida dal settore dei supporters bianconeri. "Abbiamo tirato diverse volte in porta - spiega - con diverse parate miracolose del portiere avversario. Il calcio è però strano, siamo rimasti in dieci e costretti a far entrare un portiere del '98 che ha parato un rigore, a cui vanno tutti i miei complimenti. Biagiotti è stato bravissimo, è un ragazzo che si allena costantemente con noi e fa parte del nostro gruppo. Vittoria strameritata per il gioco, ma soprattutto per il grande carattere che ancora una volta i miei ragazzi hanno dimostrato in campo. A questo punto abbiamo l'opportunità di vincere questo campionato e contro il Gavorrano l'aiuto della gente, che è sempre stato determinante, dovrà essere decisivo. E' una partita che deve essere vinta addirittura prima di entrare in campo. Per questo faccio un appello a chi non sempre è venuto: c'è da tagliare un traguardo importante per tutta la città, cerchiamo di spingere ancora di più e di aumentare il numero e l'entusiasmo delle persone sugli spalti".