Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Robur verso l'incontro a tre

Dopo la partita il sindaco Valentini, il presidente Ponte e i rappresentanti del Gruppo tedesco Hellmich dovrebbero confrontarsi allo stadio

Marco Decandia
  • a
  • a
  • a

Non solo Robur-Foligno in questa domenica allo stadio. Dopo la partita, infatti, potrebbe svolgersi l'incontro fra il presidente del Siena Antonio Ponte, i rappresentanti del gruppo tedesco Hellmich, interessato alla ristrutturazione del Franchi, e il sindaco di Siena Bruno Valentini. Sul tavolo il futuro della Robur, ma, soprattutto, la questione dell'area del Rastrello. Un colloquio che servirà per capire la situazione dopo il confronto a distanza tra vertici cittadini e sportivi (qui la posizione di Ponte) che si è svolto sulle pagine del Corriere di Siena. Da una parte il primo cittadino illustrerà il punto di vista "burocratico"; dall'altro lato, con ogni probabilità, il gruppo Hellmich farà capire le sue intenzioni su come e perché investire sulla Robur e, in particolare, sul progetto di riqualificazione dell'impianto e dell'area del Rastrello. Non è molto difficile intuire cosa dirà il sindaco Bruno Valentini, al di là degli "onori di casa". Il Comune di Siena, infatti, con la manifestazione di interesse pubblico dello scorso maggio ha concluso, per il momento, l'iter burocratico e normativo spettante all'amministrazione. Adesso chi vuole procedere con la riqualificazione dell'area deve presentare il progetto, ovviamente all'interno dei vincoli disegnati nella stessa manifestazione di interesse, derivanti dai pareri della conferenza dei servizi. La legge sugli stadi, lo snellimento delle pratiche annunciato dal governo possono venire incontro a chi vorrà procedere con i progetti, ma la normativa attuale è abbastanza chiara. Da aggiungere che sull'area grava ancora la necessità di dar vita ad una variante urbanistica. La cosa si può dunque fare, ma i tempi al momento non sono certi e non sono brevissimi. Per accorciarli la società proponente deve procedere con un progetto. Poi si avvierà di nuovo l'iter: bando e poi assegnazione dei lavori per il via al cantiere.