Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mens Sana piega Rieti col batticuore

Marco Decandia
  • a
  • a
  • a

La Mens Sana vince con carattere e personalità, riuscendo a difendere benissimo nell'ultima azione. E' un successo importante per la formazione senese, che si riscatta dopo la brutta prestazione di Roma. Coach Ramagli ha stupito tutti partendo con Borsato e Cucci in quintetto al fianco di Roberts, Ranuzzi e Diliegro per dare vita ad una partenza differente rispetto alle ultime uscite e vedere un atteggiamento più solido rispetto a quello da lui definito “mediocre” avuto nella capitale. Andamento a strappi, a pochi secondi dalla fine Bryant va in lunetta e fa 2/2, Mens Sana avanti 82-81. Pepper, che è in fiducia, si intestardisce e ci prova, ma Roberts e Diliegro difendono con profitto e lo costringono a mettere il piede sulla riga. Finisce con Roberts con la palla in mano: Siena festeggia.  "Una partita più sporca che piacevole - commenta il coach Alessandro Ramagli - ma quando la porti a casa in questo modo ti lascia un po' di serenità preziosa. Non è stata una settimana semplice, la sconfitta di Roma ci ha lasciato il segno e l'aspetto emotivo conta molto. Si è visto quando la partita è diventata brutta e siamo diventato meno sereni. Abbiamo fatto diverse partite partendo davvero molto male e in una gara in cui l'aspetto emotivo era importante non potevamo creare di nuovo quei gap. Per questo, in quintetto, abbiamo messo un killer come Bryant dietro e Cucci dentro, visto che ha avuto un paio di buone settimane. Per qualche verso la cosa ha funzionato, per altri versi ha funzionato meno. Un esperimento parzialmente positivo”. Il servizio completo sul Corriere di Siena del 14 dicembre 2015