Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mecacci: "Ai tifosi posso solo dire grazie"

Marco Decandia
  • a
  • a
  • a

Dopo le dichiarazioni di Claudio Coldebella, direttore generale della Lega nazionale pallacanestro (qui), e del presidente della Polisportiva Piero Ricci (qui), anche il coach della Mens Sana Matteo Mecacci interviene sull'argomento bollente delle ultime settimane, quello che vede i supporters biancoverdi sempre a rischio di stop per le trasferte. A Montecatini il veto fu tolto in extremis e tutto andò nel migliore dei modi, a Varese il divieto è stato netto e irrevocabile. "Ai nostri tifosi - sottolinea il tecnico di viale Sclavo - io posso solo dire grazie, per come ci stanno sostenendo dal primo giorno di allenamenti, per aver sottoscritto 2000 abbonamenti e per come si comportano quando vengono al nostro seguito. Nell'ultimo turno a Varese la loro assenza si è sentita. Trovo assurdo che si impedisca a simili appassionati di tifare per la propria squadra anche fuori casa, e mi auguro che non accada più. Ricordo la tristezza provata quando allenavo in Silver e con Lucca andavamo in autentiche cattedrali nel deserto, con poche centinaia di persone sugli spalti. Si sentivano anche i respiri dei giocatori. Rinunciare a un pubblico caloroso, corretto e colorato come quello senese non fa bene al movimento”. Eppure circola con insistenza l'ipotesi che anche la trasferta a Cecina del 16 novembre possa essere a rischio per i mensanini. La speranza è che i pacifici precedenti di Mortara e del Palaterme, insieme all'appoggio dei vertici della Lega nazionale pallacanestro chiaramente leggibile nelle parole di Coldebella, scongiurino questo rischio.