Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Caldo anomalo e tanto sole: ecco fino a quando durerà e perché

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

Un'alta pressione forte e persistente, come d'estate sta caratterizzando le condizioni meteorologiche su buona parte dell'Italia in questa metà di ottobre 2017. L'autunno che sembrava essere iniziato in anticipo, portando anche un abbondante (e atteso) ritorno delle piogge, sembra essersi concesso improvvisamente una pausa che - dicono ora i meteorologi - potrebbe durare a lungo. Per quanto riguarda l'Italia centrale, in particolare, è annunciato sole e caldo almeno fino al 20 ottobre, ma queste condizioni meteo potrebbero durare ancora più a lungo, a meno che non intervengano novità, al momento però ritenute poco probabili. L'arrivo sulle coste europee dell'uragano atlantico Ophelia, inoltre, potrebbe causare sull'Italia effetti completamente opposti a quelli prevedibili invece sull'Europa orientale. Meteogiornale, infatti, ritiene che proprio Ophelia potrebbe causare un rafforzamento dell'alta pressione sull'Italia, accentuando l'anomalia del clima di questo ottobre allontanando ancora per molto la possibilità di piogge. L'alta pressione di questi giorni è comunque già ritenuta decisamente anomala e inusuale per il mese di ottobre, storicamente - da sempre - uno dei più piovosi  per il nostro Paese. Tornando alle previsioni per il centro Italia sono annunciate temperature massime ancora abbondantemente al di sopra delle medie stagionali. Domenica 15 ottobre, in particolare, nelle città di Perugia, Arezzo, Terni, Foligno, Orvieto, Viterbo e Roma si potrebbero superare addirittura i 27 gradi. E fino al 20 si supereranno sempre i 24-25 gradi. L'escursione termica tra l'alba e il tramonto sarà notevole, quindi la mattina continuerà a fare piuttosto fresco, ma le minime - almeno in pianura - non scenderanno al di sotto degli 8 gradi. Forte, soprattutto in pianura Padana e in tutte le zone pianeggianti che si trovano attraversati da corsi d'acqua, la possibilità di formazione di nebbie e foschie, soprattutto nelle prime ore del mattino. Il vero autunno, quindi, almeno fino al 20 ottobre, si farà ancora attendere. E chissà cosa accadrà il prossimo inverno. Gli operatori turistici delle zone montane sono già fortemente preoccupati.