Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nubifragio a Livorno: 7 morti

Esplora:
Danni a Liivorno (Foto LaPresse)

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

La furia del nubifragio che ha colpito Livorno la notte del qo settembre 2017  ha spazzato via quasi l'intera famiglia Ramacciotti. Quattro di loro, Roberto, di 65 anni, il figlio Simone, di 37 - titolari di un'agenzia di assicurazioni a Empoli - con la moglie Glenda Garzelli, di 35, e il figlioletto della coppia Filippo, di 4 anni. Dormivano nel seminterrato di una palazzina in via Nazario Sauro, ma l'acqua esondata dal Rio Arzenda, a pochi metri dalla via, ha completamente inondato il palazzo, fino quasi al primo piano. Con loro, al momento, ci sono altre due vittime sicuramente causate dal maltempo, in via Fontanella e in via Sat'Alò. Poi c'è anche una vittima per incidente stradale non necessariamente morta per il maltempo, una donna dispersa in via Garzelli e tre dispersi in provincia, due a Collinaia e una a Gabbro. «La situazione è drammatica» denuncia il sindaco pentastellato della città, Filippo Nogarin, che ha subito chiesto lo stato di calamità Livorno è stata colpita da un'onda di piena che ha colpito nella notte, «la città è stata letteralmente devastata». In sole due ore, dalle 2 alle 4 della notte, sono caduti 250 mm di pioggia. «Una bomba d'acqua più intensa di quanto lasciava presagire l'allerta meteo», afferma il sindaco. E infatti l'allerta lanciata dalla protezione civile era solo arancione. L'intera Toscana è letteralmente in ginocchio, solo a Pisa, a metà giornata, si contano almeno 200 morti, ma in particolare su Livorno i metereologi di Epson calcolano che quella caduta nella notte corrisponda alla pioggia di 3 mesi. Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, segue da vicino la situazione in contatto con la protezione civile e il presidente della Regione Enrico Rossi fa arrivare la vicinanza alla «città ferita».