Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rischio terremoto: nel Senese 4mila case da mettere in sicurezza

default_image

Giuseppe Silvestri
  • a
  • a
  • a

Sono addirittura 4mila le case della provincia di Siena da mettere in sicurezza contro il terremoto. E' un dato che deve far riflettere, soprattutto alla luce degli eventi sismici che si sono susseguiti negli ultimi mesi nel centro Italia. In Toscana sono circa 813mila le abitazioni da mettere in sicurezza, di cui 749mila ricadono nelle zone a rischio sismico 2 e 3, su una scala da 1 a 4 in ordine decrescente. “Esclusi 24 comuni costieri - evidenzia Elvio Cecchini, Coordinatore della Federazione Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Toscana - quasi tutta la Toscana rientra nel maxi piano di messa in sicurezza del territorio, che prevede il meccanismo del Sisma bonus, le cui linee guida sono state pubblicate dal Governo con il decreto dello scorso 28 febbraio”.  “E' un passo in avanti - dichiara il Presidente dell'Ordine degli Architetti Roberto Masini –  per attuare un piano di prevenzione sismica dei centri urbani e per la salvaguardia della vita della popolazione e del sistema produttivo. E' significativo il fatto che per la prima volta si preveda un'incentivazione del genere anche su aree a rischio sismico più basso, come le zone 2 e 3”. Per la Toscana significa 256 comuni coinvolti su un totale di 280, compresa tutta la provincia di Firenze, che ricade per la zona montana del Mugello in zona 2. Oltre 175mila gli edifici in questa fascia di rischio in tutta la regione, distribuiti su tutte le province eccetto Pisa e Livorno: più di 52mila in provincia di Arezzo, quasi 30mila a Lucca, 28mila a Massa Carrara, 19mila nella città metropolitana di Firenze, 8.800 circa a Prato, quasi 4mila a Siena e 3.600 a Grosseto, per un totale di oltre 600mila residenti coinvolti. Sono più di mezzo milione, invece, gli edifici toscani che rientrano nella zona di rischio 3.