Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

I senesi vogliono la videosorveglianza

L'ennesimo atto vandalico in Salicotto fa salire la protesta dei cittadini che si esprimono anche attraverso il sondaggio sul nostro sito

Marco Decandia
  • a
  • a
  • a

Ancora atti vandalici a Siena. Nel fine settimana si sono ripetuti episodi spiacevoli nella Torre, dove con la vernice spray è stato imbrattato il portoncino dell'archivio della contrada. Situazioni del genere si reggistrano da mesi, in via Salicotto e nelle zone limitrofe, con cestini incendiati, panchine divelte, auto danneggiate. Una situazione che sta esasperando gli abitanti della zona, fortemente preoccupati dalla presenza di bande di giovanissimi che lasciano bottiglie rotte nei giardinetti e spiacevoli ricordi notturni. Questo, però, è l'ennesimo capitolo di una spirale di furti e atti vandalici, visto che si assiste a fine settimana con furti nelle case, notti in cui vengono imbrattati vicoli e cantieri, pomeriggi in cui un sindaco, mentre tiene una conferenza in cui spiega che Siena è una città sicura, riceve una chiamata e apprende che i ladri sono entrati nella casa adiacente alla sua. La protesta dei cittadini esasperati, così, può sollevarsi anche sul web: Il nostro sito ha proposto un quesito: "Sei favorevole alla videosorveglianza in centro?" (si trova qui), dando la possibilità ai lettori on line di esprimere il proprio parere. Quasi 1000 persone, per ora, si sono armate di mouse e hanno detto come la pensano. E' un autentico plebiscito per il "Sì", che sta raccogliendo un eloquente 94% contro il "timido" 6% messo insieme dall'opzione "No". Numeri destinati a cambiare in base alle preferenze che i cyber-lettori del Corriere di Siena esprimeranno nelle prossime ore. Il sondaggio è stato ispirato anche dalla insistente richiesta della Lega Nord (leggere qui), che da anni protesta contro il Comune reclamando l'installazione delle telecamere che dovrebbero scoraggiare ladri e mascalzoni. Il sondaggio non ha nessuna pretesa di custodire la verità assoluta o di ospitare un'indagine infallibile, ma sicuramente numeri del genere hanno un loro significato. Dimostra che molti senesi hanno paura. O almeno, oltre il 90% di chi usufruisce del sito internet del Corriere di Siena si ritiene esasperato. Vi invitiamo a continuare a votare.