Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, la gara di tiro a volo tra contrade a favore della Lilt

  • a
  • a
  • a

Si è svolto il terzo Gran premio di tiro a volo riservato alle società di contrada, con ricavato di 780 euro donato alla Lega italiana per la lotta contro i tumori di Siena. Due le specialità: percorso di caccia nella versione compact e fossa universale. In gara, 49 cacciatori e 17 tiratori tesserati alla Federazione italiana tiro a volo (Fitav) per difendere i colori di 8 contrade presenti. La rappresentativa più numerosa è stata quella del Castelmontorio, che con 20 portacolori ha fatto incetta di titoli. A seguire, Il Leone (10), San Marco (8), Castelsenio (8), La Trieste (7), L’Alba (5), Il Rostro (3), Romolo e Remo (3). Un solo cecchino a testa, ma comunque presenti, per l’Elefante e Due Porte.
“E’ stato un bel momento di aggregazione - commentano gli organizzatori - colmo di simpatia e di emozioni. L’unica nota dolente è che hanno aderito sempre le stesse contrade, e non riusciamo a capire il perché di assenze importanti. I popoli si sono sempre contraddistinti per la solidarietà, a volte anche in maniera commovente, come nel caso degli aiuti ai terremotati o in altri 1000 esempi da fare. E’ normale, allora, che ci si possa chiedere perché così tante società disertano questo appuntamento, specialmente quest’anno in cui il denaro veniva raccolto per uno scopo prezioso. Il sogno sarebbe quello di vedere la partecipazione attiva di tutte e 17 le consorelle”.