FiancoAFianco, l'assistenza di Generali alle vittime della strada

Riabilitazione, trasporti, aiuto domestico, barriere, supporto

13.07.2018 - 16:00

0

Roma, (askanews) - Supporto psicologico, assistenza per i percorsi di cura e riabilitazione e per l'abbattimento delle barriere architettoniche. Sono le azioni concrete di "FiancoAFianco", il nuovo programma di Generali Italia per le vittime di gravi incidenti stradali. Secondo gli ultimi dati Istat, ogni anno in Italia sono oltre 175 mila gli incidenti stradali con lesioni gravi alle persone.

Oltre al risarcimento del danno, "FiancoAFianco" offre un sostegno personalizzato di un consulente dedicato, prevede l'attivazione di un network di partner d'eccellenza per supportare i danneggiati e le loro famiglie e garantisce la possibilità di accedere a strutture per la medicina fisica e riabilitativa, cooperative di assistenza domiciliare e di trasporti; imprese edili per l'abbattimento di barriere architettoniche, officine specializzate nell'adattamento di auto con comandi speciali. Per attivare il protocollo, collegato a un'assicurazione RC auto, il consulente di Generali contatta la vittima del grave incidente stradale o la sua famiglia per individuare insieme le principali necessità. Viene proposto un piano riabilitativo personalizzato di soluzioni concrete per far fronte alle esigenze riscontrate e realizzare gli interventi condivisi; monitorato l'andamento del processo in ogni fase; la compagnia si fa carico direttamente di tutti i costi e al termine del percorso, si procede con la perizia medico legale e il risarcimento del danno.

Massimo Monacelli, responsabile delle assicurazioni danni di Generali Italia: "Come Generali stiamo investendo molto per far sì che la compagnia sia un vero partner di vita delle persone, delle famiglie e delle imprese. La sicurezza delle strade aumenta, la sicurezza dei veicoli anche, ma continuiamo ad avere centinaia di migliaia di gravi incidenti ogni anno con gravi conseguenze alle persone. Cerchiamo di abbracciare le persone perchè pensiamo che in questo modo noi esercitiamo fino in fondo il nostro ruolo di assicuratori; siamo partiti da alcuni mesi, abbiamo fatto una fase di sperimentazione di questo protocollo, abbiamo già decine di casi di successo perchè la reazione anche di tante vittime di questi incidenti è stata molto positiva".

Per offrire alle vittime i migliori percorsi di cura e riabilitazione Generali ha siglato un accordo con la Fondazione Don Carlo Gnocchi che procederà con una valutazione clinica multi-dimensionale specialistica, ambulatoriale o domiciliare e collaborerà per il progetto riabilitativo individuale personalizzato.

Il direttore sanitario della Fondazione Don Gnocchi, Francesco della Croce: "Il risultato positivo che si è avuto è nel vedere ricostituire una tranquillità nella famiglia e nel ripristino del set domestico delle persone, quindi la possibilità di risentirsi parte attiva della società civile".

Il percorso di cura proposto prevede anche un supporto psicologico a paziente e famigliari per maturare consapevolezza e favorire la fase di "adattamento" alla nuova condizione di disabilità.

Anna Maria Giannini, docente di Psicologia giuridica e forense all'Università La Sapienza di Roma e responsabile del progetto "ANIA Cares", pronto soccorso psicologico per le vittime della strada:

"La persona lasciata sola dopo un incidente stradale importante, sia essa la vittima diretta o la vittima indiretta, viene lasciata ad affrontare senza risorse un momento di vita drammatico e questo può dare origine all'impossibilità di ricostruire quei percorsi di resilienza che sono invece fondamentali".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Boeri: "Di Maio perde contatto con la crosta terrestre"

Boeri: "Di Maio perde contatto con la crosta terrestre"

(Agenzia Vista) Roma, 19 luglio 2018 Boeri Di Maio ha perso contatto con la crosta terrestre L'audizione alla Camera dei Deputati del presidente dell'Inps Tito Boeri. / fonte webtv Camera Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo, minuto di silenzio in memoria di Borsellino e la scorta

Palermo (askanews) - Alle 16.58 del 19 luglio 2018, orario della strage di Via D'Amelio a Palermo, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e i 5 agenti della sua scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, è stato celebrato un minuto di silenzio, interrotto soltanto dalle note di un giovane trombettiere e lo scandire dei nomi delle ...

 
Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Tabacco, Philip Morris e Coldiretti: riduzione danno e tecnologia

Perugia, (askanews) - Il fumo causa ogni anno nel mondo oltre 7 mln di vittime, tra le 70 e le 83mila in Italia, ma il numero totale di fumatori resta stabile. In Italia sono 12,2 milioni (il 23,3 % della popolazione) e l'Umbria risulta la regione con la percentuale più alta di fumatori adulti (31%). Alla luce di questo l'industria ha deciso di puntare con decisione alla riduzione del danno ...

 
Muccino lancia la sfida all'anoressia

Il fatto

Muccino lancia la sfida all'anoressia

 “Sono passati quindici anni dall’apertura di Palazzo Francisci. E sono passate da qui, per un periodo della loro vita, tante giovani vite a cui la malattia aveva tolto la ...

16.07.2018

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018