Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Il grande romanziere americano scomparso a 85 anni

23.05.2018 - 12:00

0

Venezia (askanews) - Sembrava che l'avesse sconfitta, la morte. Sembrava che avendone scritto in maniera così lucida e definitiva, così consapevole, niente avrebbe potuto più sopraffarlo. E invece, a ben guardare, tutta la bibliografia di Philip Roth, dai racconti di "Goodbye Columbus" del 1959 fino ai tardi capolavori come "Il Teatro di Sabbath" del 1995 o "Il fantasma esce di scena" del 2007, è stata un superbo catalogo dell'umano e l'umanità porta insita la propria fragilità e la propria fine. Così anche Roth, l'uomo che per decenni ha scritto da solo in piedi nella propria casa tra i boschi del New England, se ne è andato, a 85 anni, sfiancato da una malattia cardiaca cronica.

Gli ultimi anni per Roth, anche in questo un gigante, paragonabile probabilmente solo a J.D. Salinger, sono stati anni di silenzio. Il suo celebre addio alla scrittura era apparso a molti commentatori una scelta, in qualche modo, di ritorno alla vita dopo la letteratura. Una lettura sicuramente vera, ma alla quale va necessariamente aggiunta la considerazione che, alla luce degli ultimissimi romanzi "Nemesi" o "La mortificazione" -, la vena aurifera dello scrittore si era andata esaurendo, e lui ci piace pensare, dall'alto della sua lucidità solitaria, deve essere stato il primo a rendersene conto, nonché a dire, grazie, basta, vi ho voluto bene, adesso vado , come cantavano i Baustelle qualche tempo fa. Anche in questo un gigante, capace, con la propria compostezza, di fare dimenticare la pantomima del mancato Nobel e l'indifferenza, viene da dire ostile, dell'Accademia di Svezia. Alla fine, l unica (in realtà penultima) cosa che si può dire su questa vicenda è che Philip Roth è stato uno scrittore così importante da non avere bisogno del Nobel.

Arrivederci allora, Philip. E l'ultima scena di una carriera letteraria incredibile (quasi quanto una vita nella quale, per esempio, lo scrittore è stato anche, per un breve periodo, il fidanzato di Jackie Kennedy, già vedova del presidente) è giusto lasciarla al suo personaggio più oltraggioso e memorabile, quel Mickey Sabbath, satiro e burattinaio fallito, che come Falstaff e più di Falstaff ha preso su di sé il peso del mondo, della sua surrealtà e dalla nostra necessità di avere un giullare (tragico ovviamente, ma irresistibile) a cui dare la colpa di tutto. Sulla tomba di Roth lo immaginiamo portare dei fiori in modo nervoso, mentre con la mano sinistra in tasca continua nervosamente a stringere un paio di mutandine rubate dal cassetto della figlia dell'amico Norman.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

AREZZO

Pupo perde borsello in Russia (con 7 mila euro), anziana glielo restituisce

Pupo perde il borsello con 7 mila euro in Russia, una donna lo trova e glielo restituisce. Era una venditrice di fiori, non voleva alcuna ricompensa, ma Enzo Ghinazzi le ha ...

10.06.2018

Anche le donne corrono il Bravìo

Montepulciano

Anche le donne corrono il Bravìo

A Montepulciano seconda edizione del Bravio delle Dame, l’evento ideato lo scorso anno dalla contrada di San Donato che ha immediatamente riscosso unanimi consensi sia da ...

09.06.2018

Festa del cane, di razza e anche meticcio

Asciano

Festa del cane, di razza e anche meticcio

Una festa per grandi e bambini e per tutti i loro amici a quattro zampe. E’ la Festa del Cane in programma ad Asciano domenica 3 giugno (ore 9 – Zona sportiva Sant’Anna, ...

01.06.2018