Il sex scandal Weinstein si allarga ma Oliver Stone lo difende

"Era un mio rivale, ma sono garantista: aspettiamo il processo"

13.10.2017 - 13:00

0

Los Angeles (askanews) - Si allarga a macchia d'olio, aggravandosi di confessioni e particolari sempre più turpi e pruriginosi, il sex scandal che ha coinvolto il produttore hollywoodiano Harvey Weinstein che ha ormai assunto una dimensione internazionale.

Come quando si rompe una diga, su Weinstein ora piovono accuse di abusi sessuali e stupri, dopo che la scorsa settimana un esplosivo articolo del New York Times ha raccontato una storia di comportamenti predatori da parte del mogul cinematografico.

Il produttore è uno dei giganti di Hollywood e la sua azienda ha ottenuto più di 300 nomination agli Oscar. Contro Weinstein hanno preso posizione star e superstar come Angelina Jolie, Gwyneth Paltrow, Mira Sorvino, Kate Beckinsale, Ashley Judd. E una drammatica testimonianza è giunta anche da Asia Argento.

Gli schizzi di fango hanno finito per coinvolgere anche la politica. Il produttore è stato infatti anche un generoso e notorio finanziatore del Partito democratico e i conservatori hanno subito lanciato pesanti accuse contro l'ex presidente Barack Obama e l'ex candidata presidenziale Hillary Clinton per aver atteso troppo a lungo prima di condannare Weinstein.

Eppure c'è anche chi, in qualche modo e con apparenti e compulsive tendenze suicide, cerca di difenderlo. È il caso del regista Oliver Stone il quale sostiene che Weinstein sia stato già condannato da un sistema di giustizieri improvvisati.

"Resto sempre un garantista e ritengo che prima di condannare si debba arrivare a un processo" ha detto il regista e sceneggiatore vincitore di tre Oscar. "Se ha violato la legge, verrà fuori. Non penso che un uomo debba essere condannato da un sistema di giustizieri improvvisati. È sempre stato un concorrente per me, non ho mai fatto affari con lui e non lo conosco direttamente. Ma ho sempre sentito storie orribili su tutti quelli che fanno parte del mondo di Hollywood e per questo non voglio fare commenti sui gossip. Aspettiamo e vediamo, credo che sia questa l'attitudine più corretta" ha concluso Stone.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Bindi: preoccupante l'uso della violenza in campagna elettorale

Bindi: preoccupante l'uso della violenza in campagna elettorale

Roma, (askanews) - "E' preoccupante lo sdoganamento dell'uso della violenza che sta avvenendo in campagna elettorale, che fa tornare i mostri del passato sulla scena odierna: la mafia può permettersi di non sparare perchè anche la società parla un linguaggio violento". Lo ha detto la presidente della Commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, durante la presentazione della Relazione finale ...

 
Lombardi: il 2 marzo in piazza con Di Maio e mi auguro Grillo

Lombardi: il 2 marzo in piazza con Di Maio e mi auguro Grillo

Roma, (askanews) - Roberta Lombardi sarà sul palco di piazza del Popolo il prossimo 2 marzo per la chiusura della campagna elettorale del Movimento 5 Stelle insieme a Luigi Di Maio e Beppe Grillo. Lo dice intervistata da Askanews. "Certo, sarò in piazza del Popolo", spiega. Alla domanda sulla presenza di Grillo la candidata M5s alla presidenza della Regione Lazio risponde: "Mi auguro proprio di ...

 
Il veliero Hermione salpa dalla Francia, fa rotta verso l'Africa

Il veliero Hermione salpa dalla Francia, fa rotta verso l'Africa

La Rochèlle (askanews) - Il veliero Hermione ha ripreso il largo. La replica dello storico tre alberi, che nel 1780 partì dalla Francia con a bordo il generale Lafayette per sostenere la causa degli indipendentisti dei futuri Stati Uniti d'America, ha lasciato il porto di la Rochelle, in Francia. Il veliero è diretto a Tangeri, in Marocco, prima tappa di un viaggio di quattro mesi e mezzo ...

 
Cisgiordania, Israele installa le case nelle nuove colonie

Cisgiordania, Israele installa le case nelle nuove colonie

Gerusalemme (askanews) - Israele ha iniziato a installare le prime abitazioni in un nuovo insediamento in Cisgiordania, il primo dopo 25 anni. I camion sono arrivati nel sito che si chiamerà Amichai, dove sono state posate le prime case prefabbricate, una decina. Nel giro di un mese, qui, dovrebbero installarsi una quarantina di famiglie israeliane evacuate dal sito illegale di Amona.

 
Premio Chigiana sbarca a New York

Siena

Premio Chigiana sbarca a New York

Il Premio Chigiana sbarca a New York, dove tiene la prima sessione di audizioni internazionali dell’edizione 2018, dedicata alla nuova generazione di cantanti lirici, in ...

17.02.2018

Blitz a Cacio e Pere: arrivano dieci agenti

Siena

Blitz a Cacio e Pere: arrivano dieci agenti

Stava per iniziare l'esibizione di un gruppo senese quando, sabato sera, dieci agenti si sono presentati nel bar Cacio e Pere, hanno passato al setaccio la documentazione ed ...

11.02.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018